Data ultima modifica: 2 ottobre 2013
Con l’attivazione dello sportello unico delle attività produttive (SUAP CAMERALE) tutte le pratiche inerenti l’esercizio di attività produttive (avvio, cessazione, variazioni, ecc.) devono essere presentate tramite il portale nazionale www.impresainungiorno.gov.it secondo le modalità ed indicate nel portale stesso.

PERCORSO: www.impresainungiorno.gov.it  – in alto a sinistra “in 3 click invio telematico al SUAP”  –  selezionare Regione, Provincia e Comune  – “invio  pratiche”  –  Autenticazione (è necessario essere in possesso di una CNS -carta nazionale dei servizi- o di altra chiave d’accesso idonea )  – SELEZIONARE: “Industria e artigianato” –“Acconciatori / barbieri / estetisti/ tatuatori e piercers” – “Avvio, gestione ecc” – selezionare la procedura relativa all’attività interessata (es. apertura attività acconciatore ecc )  –  Proseguire selezionando eventuali “interventi facoltativi” (presentazione contestuale della SCIA per la prevenzione incendi)  –  selezionare eventuali allegati facoltativi – COMPILAZIONE DOMANDA TELEMATICA seguendo attentamente le istruzioni riportate.
 
DOCUMENTAZIONE
Oltre a quanto richiesto nel portale, dovranno essere allegate (sempre con modalità telematica) le seguenti dichiarazioni e/o documentazione.
1)  copia documento identità;
2)  procura all’Ente o commercialista che presenta la segnalazione;
3)  permesso di soggiorno per i cittadini extracomunitari.
4)  asseverazione di un tecnico abilitato relativa alla sussistenza dei requisiti urbanistici,     edilizi, di destinazione d’uso e di agibilità igienico sanitaria del locale;
5)  asseverazione di un tecnico abilitato o dichiarazione relativa al rispetto delle norme sull’impatto acustico dell’attività (vedi modulo).
 
REQUISITI PROFESSIONALI
Le imprese possono avviare l’attività di acconciatore con la presentazione della SCIA al Comune, al quale spetta la verifica del possesso dei requisiti professionali (salvi gli adempimenti e le verifiche di competenza delle Commissioni provinciali dell’artigianato o degli uffici competenti a tal fine individuati dalla normativa regionale, relativamente e limitatamente all’eventuale riconoscimento della qualificazione artigiana). 

REQUISITI PER L’ATTVITA’ DI ACCONCIATORE (Legge n. 174 del 17/08/2005)
Per esercitare l’attività di acconciatore è necessario dimostrare il possesso di uno dei requisiti professionali di seguito elencati:
a) Frequenza  di un apposito corso di qualificazione della durata di 2 anni seguito da un corso di specializzazione, ovvero da un periodo di inserimento della durata di un anno presso un’impresa di acconciatore, da effettuarsi nell’arco di due anni e  superamento di un apposito esame teorico-pratico.
b) Titolarità di un esercizio di barbiere iscritto all’albo delle imprese artigiane e frequenza di un apposito corso di riqualificazione.
c) Esperienza professionale conseguita presso imprese di acconciatura in qualità di dipendente qualificato, familiare collaboratore o socio partecipante al lavoro con un periodo lavorativo a tempo pieno di tre anni, da effettuare nell’arco di cinque anni, e dallo svolgimento di un apposito corso di formazione teorica
 
Il periodo di inserimento è ridotto ad un anno, da effettuare nell’arco di due anni, qualora sia preceduto da un rapporto di apprendistato.
Il corso di formazione teorica di cui sopra può essere frequentato anche in costanza di un rapporto di lavoro.
Il periodo lavorativo, se esperito presso imprese esercenti attività di Barbiere, dovrà essere seguito da un corso di riqualificazione professionale previsto dall’art. 6 della L.R. 174/05.
I corsi devono essere seguiti presso scuole riconosciute dalla Regione/Provincia.
 
Nel caso di titolo di qualificazione professionale acquisito fuori dall’Italia è obbligatorio effettuare domanda di riconoscimento al Ministero dello sviluppo economico, Direzione generale per la concorrenza ed i consumatori, Uff. VI servizi e professioni, Via Molise 2 Roma.
I soggetti che al 17/08/2005 ( data di entrata in vigore della L. 174 ) sono in possesso della qualifica di acconciatore o di parrucchiere, per uomo o per donna, assumono di diritto la qualifica di acconciatore e sono equiparati ai soggetti in possesso dei requisiti sopraelencati.
 
NOTE
1.L’attività di acconciatore non può essere esercitata in forma ambulante.
2.Per ogni sede dell’impresa dove viene esercitata l’attività deve essere designato, nella persona dl titolare, di un socio partecipante al lavoro, di un familiare coadiuvante o di un dipendente dell’impresa, almeno un RESPONSABILE TECNICO in possesso dei requisiti professionali. II responsabile tecnico garantisce la propria presenza durante lo svolgimento dell’attività di acconciatore.
 
NORMATIVA DI RIFERIMENTO
L. n. 443/1985:  “Legge quadro sull’artigianato”
D.Lgs 59 del 26/03/2010 e successive modifiche ed integrazioni  (in part. art. 77)
L. 241 del 07/08/1990 e successive modifiche ed integrazioni
D.P.R. n. 160 del 07/09/2010
L. 17 agosto 2005, n. 174
L. 14 febbraio 1963, n. 161
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]