Data ultima modifica: 21 Agosto 2021

Gli Stati Uniti sono “in comunicazione costante” con i leader Talebani a Kabul, “in particolare con quelli responsabili dei checkpoint” nella capitale afghana. Lo ha detto il portavoce del Pentagono, John Kirby, che, alla domanda su quali siano le minacce alla sicurezza, ha sottolineato che ce ne sono “molteplici”, ma gli Stati Uniti continueranno a concentrarsi “su un’evacuazione senza combattimenti” e su piani “per portare via molte persone più velocemente che possiamo”. Intanto, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato oggi il suo team per la sicurezza nazionale per parlare della situazione in Afghanistan. Lo ha reso noto un funzionario della Casa Bianca, secondo cui si è discusso anche di “operazioni antiterrorismo”, tra cui contro l’Isis-K (Stato islamico-Khorasan). Il gruppo è nemico giurato dei Talebani ed è considerato una delle potenziali minacce a causa delle quali, tra l’altro, l’ambasciata americana a Kabul ha chiesto oggi ai suoi connazionali di non recarsi all’aeroporto della capitale, dove la situazione della sicurezza è in progressivo deterioramento.
 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]