Data ultima modifica: 7 Settembre 2020

E’ stato fermato con l’accusa di omicidio volontario e distruzione di cadavere il figlio 23enne del 61enne, trovato carbonizzato questa mattina nel giardino della sua abitazione a Casale Monferrato, nell’alessandrino. Il giovane, che avrebbe confessato, si trova in carcere a Vercelli. La polizia, che ha fermato il giovane, nella notte era intervenuta nell’abitazione del ragazzo su richiesta della madre che aveva segnalato che il figlio si era, poco prima, allontanato in stato confusionale. Dagli accertamenti, gli investigatori hanno rilevato tracce di un rogo. L’esame più approfondito ha permesso di verificare l’esistenza di alcuni resti che, da successivo esame medico legale, venivano attribuiti a parti di un corpo umano. Le indagini, accertata l’identità della vittima, si sono concentrate nella ricerca del figlio 23enne dell’uomo, che è stato localizzato nelle campagne della periferia casalese e accompagnato, per ulteriori accertamenti, in commissariato, dove poi il giovane ha confessato. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]