Data ultima modifica: 9 Luglio 2019

IL SINDACO

Premesso
che nel territorio del Comune di Ciampino insistono numerosi terreni privati per i quali è necessario effettuare una costante e corretta manutenzione;
Considerato
che la crescita incontrollata della vegetazione (alberi, siepi, arbusti, l’erba e le piante in genere), non mantenuta ad un’altezza adeguata e nel corretto stato di manutenzione, è suscettibile di recare pregiudizio alla pubblica salute ed incolumità, alla sicurezza stradale soprattutto se piantumati al confine della proprietà privata;

che la carenza di manutenzione della vegetazione incrementa il rischio di sviluppo di incendio in quanto la presenza di sterpi, arbusti ed in generale di essenze arboree non potate rappresenta un mezzo di propagazione del fuoco;

che la carenza di manutenzione della vegetazione favorisce l’instaurarsi di un ambiente favorevole alla proliferazione di insetti ed animali nocivi quali ad esempio rettili e roditori;

che tali carenze di manutenzione della vegetazione posta ai confini della proprietà privata può causare la limitazione della visibilità della carreggiata stradale e della segnaletica determinando una grave limitazione alla sicurezza stradale;

che lo stato di incuria in cui versano i terreni ed i giardini privati prospicienti alle aree pubbliche per le quali non vengono effettuate periodicamente le operazioni di: sfalcio dell’erba, eliminazione delle sterpaglie, potatura delle siepi e degli arbusti, potatura delle essenze arboree, smaltimento del rifiuto verde prodotto comportano pertanto, la presenza di siepi, arbusti rami protesi o chiome di alberi ad fusto che invadono la sede viaria o i marciapiedi, alberi, siepi, arbusti ed altre specie di piante che presentano parti secche, marcescenze o rami secchi e/o pericolanti, piantagioni a crescita incontrollata tanto da limitare la visibilità della carreggiata stradale o del marciapiede o della segnaletica stradale, cumuli di rifiuti verdi putrescibili che rappresentano un ricovero per parassiti, insetti ed animali nocivi;

che sul territorio comunale insistono numerose specie di insetti ed animali in grado di causare gravi infezioni;

che il territorio comunale durante la stagione estiva, è soggetto ad incendi con gravi danni al territorio ed alla pubblica incolumità;
Richiamate
le vigenti normative che, nell’ambito del territorio comunale, affidano al Sindaco quale autorità comunale, competenze ed attribuzioni in ordine alla predisposizione, organizzazione e realizzazione dei dispositivi operativi per il contrasto e la mitigazione degli effetti calamitosi, tra i quali lo svilupparsi ed il propagarsi degli incendi;
Ritenuto
dover garantire la salute e la pubblica incolumità;

dover procedere con urgenza all’adozione della presente ordinanza;
Visto
il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 “T.U.E.L” e ss.mm.ii con particolare riguardo all’art. 54 che stabilisce l’emanazione di ordinanze contingibili e urgenti per la prevenzione e l’eliminazione di gravi pericoli per la incolumità pubblica e della sicurezza urbana;

il Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112 “conferimento delle funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli EE.LL.” in attuazione della Legge 15 Marzo 1997 n. 59 e ss.mm.ii.;

il Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 “Codice della strada” e ss.mm.ii.;

il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 “Norme in materia ambientale” e ss.mm.ii;

il Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773 “T.U.L.P.S” e ss.mm.ii.;

il Regolamento comunale del Verde Pubblico e Privato approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 05 luglio 2005 e ss.mm.ii.;

il Regolamento di Polizia Urbana approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del 28 marzo 2000 e ss.mm.ii.;

ORDINA

ai proprietari, ai possessori, agli usufruttuari, ai conduttori ed ai detentori a qualunque titolo di terreni o fondi rustici o parti di essi, nonché di pertinenze o corti a servizio di edifici privati sul territorio del Comune di Ciampino di effettuare i seguenti interventi di manutenzione nelle dette aree ed in particolare della vegetazione in grado di interferire con le aree pubbliche o di uso pubblico, con la sede stradale e con le altre abitazioni, determinando un pregiudizio per la salute ed incolumità pubblica e salvaguardia al rischio di incendi:

taglio dell’erba, della vegetazione in genere con rimozione degli sfalci e corretto smaltimento di tutti i rifiuti prodotti. Divieto assoluto di abbruciamento delle stoppie;
taglio lungo la recinzione dei rami, delle siepi che si protendono oltre il confine stradale, che nascondono la segnaletica verticale o che ne compromettono la leggibilità dalla distanza ed angolazione necessarie e che possono creare problemi alla circolazione pedonale e veicolare o che limitino od impediscano l’irradiazione della luce dagli impianti di illuminazione pubblica;
taglio delle radici che dovessero presentarsi marce o malate e rimozione delle parti di esse;
pulizia delle aree e sgombero da materiali e rifiuti o quant’altro possa pregiudicare la salubrità e la sicurezza dei luoghi e delle proprietà contermini;
disinfestazione, con prodotti conformi alle normative vigenti o avvalendosi di operatori specializzati, delle aree ove si fossero creati nidi di insetti e/o parassiti nocivi per la salute; esecuzione del trattamento specifico atto ad allontanare qualsiasi animale pericoloso con ripristino delle condizioni igieniche adeguate;
ripristino o posa in opera di adeguate recinzioni di aree private, terreni, cortili onde evitare lo scarico abusivo ed incontrollato di materiali.

AVVERTE

che i trasgressori saranno ritenuti responsabili dei danni che eventualmente si verificheranno per loro negligenza e per l’inosservanza delle disposizioni sopra impartite. La violazione della presente ordinanza, oltre alle sanzioni di natura amministrativa previste dalle vigenti normative di legge e/o regolamentari comporta il deferimento alla competente Autorità Giudiziaria, ai sensi dell’art. 650 del Codice Penale.

DISPONE

che il presente atto, con decorrenza immediata, venga pubblicato sull’Albo Pretorio del Portale web del Comune di Ciampino per trenta giorni e ne venga data ampia e diffusa affissione nei luoghi pubblici, in ottemperanza agli obblighi previsti in materia di pubblicità degli atti amministrativi.

Il Corpo di Polizia Locale, i Vigili del Fuoco, le Forze dell’Ordine, l’Autorità Sanitaria, ognuno per le proprie competenze, sono incaricati della vigilanza per il rispetto di quanto disposto dal presente provvedimento.

Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale al TAR del Lazio entro 60 giorni dalla pubblicazione, ai sensi degli art. 5 e 41 del D.lgs. 104/2010 oppure, in alternativa, è possibile proporre ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni ai sensi del DPR n. 1199/1971.

Si allega l’ordinanza.

ordinanza 2 09-07-2019

[Voti: 1    Media Voto: 1/5]

Allegati