Data ultima modifica: 8 Settembre 2020

“Non ci commuove lo sciopero della fame dell’assassino Cesare Battisti, finito troppo tardivamente in carcere. Era abituato ai ricevimenti sontuosi in Francia o in America Latina. Ora deve stare in carcere per scontare le sue gravissime colpe. Non vorrei che trovasse qualche magistrato di sorveglianza che sia generoso con lui come lo sono stati con il cosiddetto Johnny lo zingaro, la cui fuga è colpa di quei magistrati che, invece di sorvegliare, finiscono per aiutare il crimine. Se la magistratura è una palla al piede per l’Italia, la magistratura di sorveglianza è un’autentica tragedia. Prima o poi bisognerà occuparsene”. Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]