Data ultima modifica: 14 Settembre 2020

E stata fissata per il prossimo 23 settembre davanti al Magistrato di Sorveglianza di Cagliari l’udienza per il reclamo presentato dagli avvocati di Cesare Battisti contro il regime di isolamento cui era sottoposto nella casa circondariale di Massama (Oristano). E importante per noi che si riconosca l’illegittimità di quel provvedimento – è il commento all’Adnkronos dell’avvocato Gianfranco Sollai -, l’isolamento non motivato è una tortura e nel caso di Battisti non c’era sentenza che lo giustificasse”. Battisti, riferisce il legale, ha interrotto lo sciopero della fame una volta arrivato nel carcere di Rossano, in Calabria, e ha fatto richiesta di poter contattare telefonicamente Sollai, non appena possibile.  Quanto al trasferimento dalla Sardegna, per Sollai di fatto Battisti resta in isolamento: “Diciamo che è passato da un isolamento strutturale, in un reparto all’interno dello stesso carcere, ad un isolamento territoriale, in una regione dove non ha contatti né familiari”, commenta l’avvocato dell’ex terrorista dei Pac. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]