Data ultima modifica: 27 Giugno 2021

Blocco dei licenziamenti per le aziende che hanno maggiormente usato la Cassa Covid. A quanto apprende l’Adnkronos, è questa una delle ipotesi sulla quale potrebbe convergere la maggioranza per sciogliere il nodo sullo sblocco dei licenziamenti, altrimenti pronto a scattare in modo pressoché generalizzato dal primo luglio. Misura che andrebbe del decreto-ponte atteso entro martedì e chiamato anche a rinnovare lo stop alle cartelle esattoriali e disinnescare la ‘bomba’ comuni. La sintesi per trovare l’intesa sui nodi aperti sarebbe affidata alla cabina di regia convocata per domani alle 17.30 dal premier Mario Daghi. Il decreto licenziamenti-cartelle-Comuni per accelerarne l’iter verrebbe poi riassorbito come emendamento dallo stesso decreto Sostegni bis, ora in discussione alla Camera. Dote del provvedimento circa 3-4 miliardi da reperire tra i risparmi dei ristori. LICENZIAMENTI. La maggioranza ragiona alla possibilità di prorogare lo stop ai licenziamenti per le aziende che vi hanno fatto maggiormente risorse: l’utilizzo del criterio dell’incidenza media della cassa Covid permetterebbe infatti di stabilire un criterio oggettivo, trasversale tra settori, per superare il rischio di incostituzionalità rappresentato da un eventuale blocco ai licenziamenti selettivo settoriale per abbigliamento, calzature e tessile. In sintesi, il criterio dell’incidenza media della cassa integrazione renderebbe passibili di continuità del blocco quelle aziende che hanno usato maggiormente la Cassa covid rispetto all’uso medio, in un certo periodo di tempo da stabilire, il che sarebbe un indicatore di difficoltà in cui versa quell’azienda. TAVOLI CRISI. Nel pacchetto lavoro anche i progetto di rinnovare la Cigs per le 85 aziende coinvolte nei tavoli di crisi aperti al Mise. COMUNI. Tra le norme quella sostenuta dal vice ministro Laura Castelli per dare un mese in più ai Comuni per approvare i regolamenti e le tariffe Tari, termine che passa dal 30 giugno al 31 luglio. Ma sul tavolo anche l’eventuale rinvio dei termini per decidere piani economico finanziari dei Comuni in dissesto. STOP IMU CON BLOCCO SFRATTI. Tra le misure in cantiere anche lo stop al pagamento della rata Imu di dicembre per i proprietari che subiscono gli effetti del blocco degli sfratti. SABATINI. Nel dl è atteso anche il rifinanziamento per circa 700 milioni della nuova Sabatini, ovvero gli incentivi per investimenti in innovazione da parte delle imprese delle imprese a secco dal 2 giugno scorso. FISCO, ALT CARTELLE FINO 31 AGOSTO. In arrivo un nuovo slittamento al 31 agosto della notifica delle cartelle esattoriali, bloccate da marzo e sposterebbe a fine settembre anche i termini di ripresa dei pagamenti delle 16 rate fin qui sospese per chi in passato ha chiesto un piano di rateizzazione. Notifiche e versamenti che, finita la stagione delle proroghe, andrebbero diluiti nell’arco del biennio.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]