Data ultima modifica: 10 Agosto 2020

“E’ quantomeno indegno e vergognoso che parlamentari che percepiscono 12 mila euro al mese abbiano chiesto il bonus dei 600 euro per lavoratori e partite Iva. Mi aspetto che il Presidente dell’Inps renda noti i nomi dei 5 onorevoli furbetti e che i partiti politici di appartenenza prendano immediatamente provvedimenti. Chi usufruisce di un contributo pubblico, prende soldi della comunità e per questo non può farsi scudo della privacy, a maggior ragione se parlamentare della Repubblica. Questo episodio dimostra, ancora una volta, quanto le norme di questo Governo siano scritte male e senza criterio”. Così in una nota il senatore Gianluigi Paragone, leader della nuova formazione politica antieuropeista ‘No Europa per l’Italia – Italexit con Paragone’. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]