Data ultima modifica: 29 Gennaio 2018

Rogo al campo rom
CAMPO NOMADI “LA BARBUTA”: IL CONSIGLIO DI STATO DA RAGIONE AL COMUNE DI CIAMPINO ED ORDINA AL MINISTERO DEGLI INTERNI DI PRODURRE TUTTI GLI ATTI AMMINISTRATIVI.

Con sentenza n. 01492, il Consiglio di Stato, sezione sesta, ha respinto l’appello del Ministero degli Interni nei confronti della sentenza del Tar n. 32624/2010, con il quale veniva ordinata la produzione a favore del Comune di Ciampino di tutti gli atti amministrativi inerenti al Piani Nomadi del Comune di Roma, ed in particolare gli atti amministrativi relativi alla stabilizzazione del campo “La Barbuta”, posto al confine tra Roma e Ciampino, ed agli atti relativi al finanziamento per il suo raddoppio.

I Giudici hanno accolto in pieno le tesi del Comune di Ciampino, ribadendo ed anzi rafforzando la sentenza del Tar Lazio. In particolare, è stata riconosciuta – contrariamente a quanto affermato dal Ministero dell’Interni – la fondatezza delle ragioni che hanno indotto il Sindaco di Ciampino ad avanzare la richiesta di accesso agli atti (negati dal Ministero degli Interni) e dei profili di interesse per la cittadinanza che la sorreggevano; “ragioni riferite – come si legge nella sentenza – a situazioni non solo di disagio, ma anche di rischio della locale comunità, esposta a pericoli, ad esempio, del traffico aereo se ed in quanto reso disagevole o rischioso per l’eventuale verificarsi di incendi; eventi, questi, potenzialmente incidenti anche sulla locale viabilità; ed anche la lamentata possibilità di inquinamento della falda acquifera, data la vicinanza dei luoghi, appariva potenzialmente produttiva di pregiudizi per le zone territoriali contermini”.

Ancora, il Consiglio di Stato ha ribadito le ragioni del Comune di Ciampino in merito al fatto che “il campo ha ospitato, fin dal suo insediamento, manufatti posticci che avrebbero potuto ostacolare la visuale degli aerei in avvicinamento alla pista aeroportuale, collocandosi nei pressi del sentiero di avvicinamento dei velivoli, con le conseguenti situazioni di pericolo; che il campo insisteva su di una falda acquifera, con la conseguente possibilità di inquinamento; che l’area, nel PTP del Lazio costituiva zona di interesse archeologico; che il campo sarebbe stato situato in zona incompatibile con un insediamento umano in quanto interno ad una zona di volo e che i frequenti incendi di grande portata verificati avrebbero più volte minato le condizioni di sicurezza di alcuni voli, nonché del traffico veicolare del Grande Raccordo Anulare”.

“Ancora una volta – afferma il Sindaco di Ciampino, Walter Enrico Perandini – la Giustizia amministrativa ci rende a pieno le ragioni che, purtroppo, il Comune di Roma, la Prefettura e il Ministero degli Interni inspiegabilmente ci hanno finora sempre negato. Era impensabile che una comunità di 40.000 abitanti potesse essere esclusa dai processi che hanno visto deliberare l’esborso di 19 milioni di euro dei contribuenti per la costruzione di un maxi-ghetto proprio di fronte alla pista dell’aeroporto e sotto al Raccordo Anulare, in un’area dove ogni politica di sicurezza e di integrazione risulterebbe puramente demagogica”.

“Mi auguro – conclude il Sindaco – che questa sentenza porti a vedere compiuto quanto da noi più volte richiesto: è necessario che il Comune di Roma faccia un passo indietro, riconoscendo che il campo “La Barbuta” è pericoloso per chi vi abita e per chi vi è confinante. E’ altresì indispensabile che i lavori oggi in corso per il raddoppio del campo vengano immediatamente sospesi e che, senza sprecare altro denaro pubblico, venga definitivamente sgomberato il campo delocalizzando gli attuali 350 occupanti in un’area del Comune di Roma ove sia veramente possibile una politica di integrazione in sicurezza”.

LINK UTILI:
–   Sentenza del Consiglio di Stato n. 01492.

Altre notizie sul Campo Nomadi “La Barbuta”:
–   Comunicato del 9 marzo 2011: Torna il fuoco al Campo Nomadi “La Barbuta”.
–   Comunicato del 7 febbraio 2011: Rogo Campo Nomadi: il Comune di Ciampino risponde alle accuse del Sindaco di Roma.
–   Comunicato del 14 ottobre 2010 (con sentenza del Tar): Piano Nomadi: il Sindaco di Ciampino ha vinto il ricorso al Tar contro il Ministro degli Interni.
–   Ricostruzione della vicenda Campo Rom “La Barbuta”.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Allegati