Municipio: Largo Felice Armati, 1 00043 Ciampino (RM) (+39) 06.79097.1 protocollo@pec.comune.ciampino.roma.it

Categoria: finanza

Eni, Descalzi: “Robusta ripresa, guardiamo con ottimismo ai prossimi mesi”

L’utile netto di competenza degli azionisti Eni torna in utile nel primo trimestre 2021. Nelle tabelle dei principali dati finanziari risulta pari a 856 milioni dalla perdita di 2,929 miliardi conseguita nel primo trimestre 2020 e fortemente impattata dalla pandemia.  

Eni chiude il primo trimestre con un utile netto adjusted di 270 milioni, pari a quasi cinque volte quello conseguito nel primo trimestre 2020, riporta Eni in una nota. L’ebitd adjusted è di 1,3 miliardi, in forte crescita rispetto al quarto trimestre 2020 (+171%) a parità di produzione (1,7 milioni boe/giorno). L’indebitamento netto è di 12,2 miliardi, in lieve aumento rispetto al 31 dicembre 2020 “per operazioni di M&A ed effetto cambio”.  

“In un primo trimestre ancora fortemente caratterizzato dagli effetti dei lockdown Eni ha evidenziato una robusta ripresa dei risultati, in particolare nel settore E&P e nella chimica”. E’ quanto sottolinea Claudio Descalzi, ad di Eni, commentando i risultati dei primi tre mesi dell’anno.  

“Nell’ambito di uno scenario complesso, l’Ebit adjusted a livello di gruppo di 1,3 miliardi è in linea con il primo trimestre dello scorso anno e risulta quasi triplicato rispetto a fine 2020. Si consolida inoltre la crescita dell’utile netto, pari a 270 milioni, quasi quintuplicato rispetto allo stesso trimestre 2020. Il trimestre ha registrato una generazione di cassa organica prima della variazione del capitale circolante di circa 2 miliardi, nettamente superiore agli investimenti del periodo di 1,4 miliardi”.  

Secondo Descalzi, “il progressivo miglioramento del quadro pandemico ed economico a livello globale ci consente di guardare con ottimismo ai prossimi mesi e di prevedere una generazione di free cash flow nell’anno superiore a 3 miliardi sulla base dei prezzi correnti del Brent di 60 dollari/barile. In questo contesto continueremo a perseguire la nostra strategia di transizione energetica e di decarbonizzazione, assicurando il rafforzamento della nostra struttura patrimoniale ed una politica di distribuzione competitiva per i nostri azionisti”. 

La Francia avanza a Piazza Affari

Il peso degli investitori francesi a Piazza Affari è in aumento nel 2020 e gli istituzionali, come grandi fondi o banche d’affari, sono diventati l’8% del totale della categoria, dal 7% del 2019. Tra di loro ci sono Amundi, Lazard, Bnp, Axa, Lixor, per citarne alcuni. Secondo i dati di Borsa Italiana consultati dall’Adnkronos, tra case di investimento e partecipazioni rilevanti (insider), gli investitori francesi sono 157 nel 2020, 33 in più di un anno prima, e pesano per circa 13,59 miliardi di euro, ossia il 2,6% della capitalizzazione del Ftse Mib a fine 2020, che era circa 519 miliardi di euro. A fine 2019, la stessa percentuale era il 2,5%. 

Con l’arrivo di Peugeot e dello Stato francese, che possiedono il 13,4% di Stellantis, quota che oggi vale poco più di 7 miliardi, la Francia arriva ad avere in mano circa il 4% di Piazza Affari. Percentuali che salirebbero se si potesse calcolare il peso del retail e delle quote di minoranza su cui si mantiene riserbo. Gli investitori francesi, ad ogni modo, sono ancora poca cosa rispetto al peso di Stati Uniti e Regno Unito, che con i big del risparmio gestito (vedi BlackRock, Vanguard, State Street) possiedono complessivamente circa il 50% delle quotate.  

La differenza, però, la fa il tipo di investimento, che nel caso dei ‘partner’ francesi è per lo più industriale, e quindi a lungo termine, mentre nel caso degli Usa è in gran parte finanziario. L’avanzata della Francia alla conquista di aziende italiane (quotate e non) è un fatto. In passato, i casi più eclatanti sono stati Parmalat, Edison, Bnl o i grandi brand del lusso passati a Lvmh come Bulgari, Loro Piana e Fendi. In anni più recenti ha destato preoccupazioni l’attivismo di Vivendi, che in poco tempo ha conquistato quote rilevanti nel capitale di Mediaset e Telecom. 

Le ultime grandi operazioni hanno riguardato due big dell’imprenditoria italiana ma sono state amichevoli: è il caso di Luxottica, ormai fusa in EssilorLuxottica, e Fca, diventata Stellantis dopo il matrimonio con Peugeot. L’ultima, che ha suscitato clamore e perplessità tra alcuni esponenti politici, è stata l’acquisizione nell’ottobre 2020 di Borsa italiana da parte di Euronext, la società che controlla i principali listini europei a guida francese, dove Parigi ha un peso rilevante nell’azionariato con la sua Caisse des Dépôts et Consignations. Secondo Maurizio Novelli, gestore del Lemanik Global Strategy Fund, in Svizzera, il problema è che “i francesi hanno una strategia, l’Italia no”.  

L’atteggiamento di ‘conquista’ adottato dai cugini d’oltralpe “trova riscontro nei fatti già da diversi anni: dopo la crisi del 2008 la Francia ha attuato una politica mirata di investimenti per acquistare società italiane indebolite dalla crisi”. Più di recente, i radar dei francesi si sono spostati su società più piccole: è significativo, ad esempio, l’ingresso della società tlc Iliad nel capitale di Unieuro con una quota del 12%, mentre la banca valtellinese Creval potrebbe presto passare al Credit Agricole, se la sua opa andrà a buon fine.  

Lo shopping dell’industria e degli imprenditori francesi tra le società italiane non finirà molto presto. “Il problema è che non abbiano una politica industriale mirata” e, dopo l’emergenza Covid, “l’approccio francese è destinato ad aumentare, soprattutto se l’Italia passerà un altro periodo di debolezza economica e gli imprenditori cominceranno a vendere”, fa notare Novelli. Il passaggio della Borsa di Milano a Euronext non dovrebbe cambiare molto: il trend è già in atto. (di Vittoria Vimercati) 

Borsa, Milano in rosso e spread sale

Borse europee in rosso e spread in salita sui timori di nuovi lockdown e di ripercussioni sull’economia dai ritardi nelle campagne vaccinali e dalle nuove varianti del coronavirus. A pesare sui listini del Vecchio continente c’è anche il prezzo del petrolio, con il Wti in calo dell’1,50% a 52,3 dollari al barile. Piazza Affari si aggiudica la maglia nera in Europa, con il Ftse Mib che cede il 2,20% e scivola sotto quota 22mila punti, a 21.943. Meglio le altre piazze finanziarie: Londra cede lo 0,59%, Francoforte lo 0,84% e Parigi l’1,12%.  

Spread Btp-Bund è in netto rialzo, oltre i 124 punti.