Municipio: Largo Felice Armati, 1 00043 Ciampino (RM) (+39) 06.79097.1 protocollo@pec.comune.ciampino.roma.it

Categoria: salute

Estate, ansia da vacanza e da Covid per 63% italiani  

di Margherita Lopes 

Vacanze estive all’insegna della cautela, nella fase 3 della pandemia di Covid-19. Un terzo degli italiani non partirà per le ferie. Chi viaggerà lo farà per brevi tragitti, sfruttando maggiormente le seconde case o affittandole per tutto il periodo. In grande crescita è il turismo all’aperto, come campeggi o viaggi in camper. E il 63% si dice preoccupato per la partenza. E’ quanto emerge da un sondaggio promosso dall’Eurodap (Associazione europea per il disturbo da attacchi di panico), a cui hanno partecipato 632 connazionali.  

Nel dettaglio l’indagine rileva che per il 78% degli intervistati il budget per le vacanze è inferiore a quello dell’anno scorso e si preferisce restare in famiglia e in case di proprietà. Il 53% predilige soggiorni brevi e all’insegna del relax, mentre il 35% sceglie il contatto con la natura e soluzioni avventurose. Molti non hanno più ferie poiché sono stati forzati a consumarle durante il lockdown. E se il 63% è preoccupato, teme per lo più la possibilità di esporsi al contagio, il non rispetto delle regole di sanificazione da parte dei locali, ma anche le limitazioni ai divertimenti e la modalità di gestione dei figli. “A prescindere dal fatto che si sia lavorato o meno durante la quarantena, non va sottovalutato il livello di stress a cui si è stati esposti – spiega Eleonora Iacobelli, psicologa, presidente Eurodap, responsabile trainer del Centro Bioequilibrium – Essere costretti a stare in casa per via di un oggettivo pericolo per la salute è ben diverso dal rimanere a casa per scelta”.  

“In molti sono riusciti a trovare delle occupazioni alternative durante il lockdown, ma sarebbe fortemente errato considerarle vacanze – avverte Iacobelli – Non va, inoltre, sottovalutato il fatto che, se già normalmente in alcuni casi si può parlare di ‘ansia da vacanza’, in questo momento storico di incertezza sanitaria ed economica, partire per le ferie potrebbe non essere così bello e rilassante”. Ecco alcuni consigli per allontanare l’ansia e sfruttare appieno il periodo estivo, al di là che si decida di partire o restare a casa: 

1) Cercare di godere pienamente di ogni momento di relax con azioni concrete che aiutino a recuperare energie e uno stato di benessere psicofisico; 

2) Mantenersi attivi, sfruttando le occasioni che offrono mare, montagna o città per scrollarsi di dosso il torpore della quarantena; 

3) Non sottovalutare l’importanza della socializzazione e della condivisione. Che sia con parenti o amici, è bene organizzare attività che possano incrementare la socializzazione anche mantenendo le dovute distanze; 

4) Dare ascolto alle proprie esigenze e ritagliarsi degli spazi, anche se piccoli, da dedicare a soddisfare i propri interessi. 

Il neurologo Sorrentino: “Coronavirus ha aumentato disagio mentale” 

di Margherita Lopes 

I primi casi, poi le ambulanze, gli ospedali pieni, le bare e i lunghi mesi chiusi in casa. “Abbiamo subito un trauma, lo abbiamo vissuto. E non è un caso che sia aumentato il disagio mentale, l’ansia, il panico, la depressione. Questi mesi hanno cambiato tutto, hanno spazzato via una serie di abitudini che erano diventare rituali, e ognuno di noi ha risposto a modo suo: chi ha scoperto di star bene da solo, chi ha sofferto in modo claustrofobico”. A dirlo all’Adnkronos Salute è Rosario Sorrentino, neurologo, divulgatore scientifico e scrittore, convinto che la paura sperimentata con la pandemia possa innescare una sorta di rinascita, come spiega in ‘La paura ci può salvare’ (Solferino), un libro frutto di “una riflessione e un dialogo con Concita Borrelli sugli effetti di quanto abbiamo vissuto: perché in questi mesi noi abbiamo fatto la storia”. 

“Il trauma da Covid ci ha smascherato – dice Sorrentino – ha fatto inceppare tutta una serie di certezze, come un granello di sabbia in un meccanismo ben oliato. Il nostro senso di onnipotenza è entrato in crisi, ci siamo scrollati di dosso falsi bisogni e rapporti inutili: c’è chi ha chiuso rapporti e amicizie” stantie, “chi ha definitivamente rinunciato a valori finora irrinunciabili come velocità ed efficienza, riscoprendo l’importanza della salute. Abbiamo fatto un corso accelerato di pazienza e resistenza, che forse ci sarà utile”.  

Per Sorrentino, se adesso gli italiani sono divisi “tra spaventati e immemori, che desiderano rimuovere quanto accaduto e ritrovare la vecchia normalità, la verità è che non torneremo alla vita di prima. E’ cambiata l’affettività, rapporti si sono interrotti o sono stati riscoperti, anche il valore della famiglia è cambiato”. Come dopo un trauma, “avremo bisogno di una lungo periodo di convalescenza mentale”. Con il lockdown “eravamo isolati, ma non ci siamo mai sentiti così vicini. E molte persone cambieranno il proprio sistema di valori – prevede il neurologo – Ci sarà una riscoperta della lentezza, dell’interiorità, della lettura. In questi mesi il Paese è stato a trazione scientifica, e questo è stato un bene: la scienza deve e può diventare una cultura di massa”.  

 

 

Ma perché la paura ci può salvare? “La paura ha due componenti: quella istintiva, che ci fa agire in modo immediato per metterci in salvo, e quella più raffinata, cosciente. Dobbiamo fare appello a questa seconda componente, che ci fa allenare alla paura, per imparare a difenderci. La paura cosciente è diversa dal ‘si salvi chi può’ – evidenzia Sorrentino – è una risorsa che ci consente di essere lucidi, consapevoli e che può far sì che la società si interroghi affinché riesca a essere più pronta un domani a un nuovo rischio analogo”. Perché se ancora sono molte le incertezze, tutti sono d’accordo sul fatto che questa non sarà l’ultima pandemia. Insomma, occorre liberarsi della paura istintiva e coltivare finalmente quella razionale.  

“Siamo sicuri che questo Paese voglia un popolo libero dalla paura? I mass media, la politica, la finanza hanno cavalcato spesso la paura. Ecco, il mio invito – raccomanda Sorrentino – è quello di non sprecare questa occasione, ma di sfruttare ‘sorella paura’ per spalancare le porte a resilienza e flessibilità mentale”, elementi chiave per vivere nel futuro che ci aspetta. “Penso alla disponibilità di veder convertite le proprie capacità, anche lavorative, per esplorare nuovi campi, all’importanza di ridurre la nostra rigidità, di uscire dalla confort zone. Ben sapendo, però, che la scienza deve coltivare il dubbio per ridurre le incertezze. Ecco, forse posso fare una critica ai miei colleghi: l’ansia da prestazione talvolta ha ostacolato l’onestà intellettuale che avrebbe reso utile dire ‘questa è la mia opinione, non un fatto scientifico'”.  

“Dobbiamo abbattere il narcisismo, l’odioso ‘io’, e passare al noi. Questo è il momento del noi neuronale – dice il neurologo – 2-3 neuroni insieme fanno poco, ma 10-15mila fanno un circuito neuronale”. Attenzione, però: se “la paura ci può salvare, quando è scomposta può aprire la strada alla rabbia”, conclude Sorrentino.  

Da cura coppia cinese a vaccino, 120 giorni di Covid a Spallanzani  

Sono passati 120 giorni da quando – il 29 gennaio – all’Inmi Spallanzani di Roma furono ricoverati i coniugi cinesi: i primi positivi al coronavirus in Italia. Da quel giorno l’Istituto è sceso in campo diventando il punto di riferimento nazionale nella lotta al Covid-19. Quattro lunghi mesi in cui l’ospedale specializzato in malattie infettive, dove tra il 2014 e il 2015 furono ricoverati e curati gli italiani colpiti da Ebola, ha salvato la coppia cinese arrivata in condizioni disperare. I medici e gli infermieri hanno assistito, fino ad oggi, 700 pazienti Covid positivi (oltre 500 quelli dimessi). Domani il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, alle ore 19, renderà omaggio alle vittime della pandemia e al personale sanitario dello Spallanzani nel cortile dell’Istituto, partecipando ad un concerto del tenore Francesco Grollo insieme al governatore del Lazio, Nicola Zingaretti.  

“Sono stati 120 giorni di grande lavoro, tanta fatica ed emozioni. Ma anche di grande soddisfazioni nel leggere il grazie negli occhi e nelle parole dei pazienti guariti, a partire dalla coppia cinese – afferma all’Adnkronos Salute il direttore sanitario dello Spallanzani Francesco Vaia – Un omaggio importante, quello di domani, da parte del presidente Mattarella e del tenore ai miei colleghi. Sarà una emozione grande che segnerà per sempre la mia vita”, confida. 

Lo Spallanzani non è solo assistenza. La lotta al coronavirus passa anche per la ricerca. Il 2 febbraio, a meno di 48 ore dalla diagnosi di positività per i primi due pazienti in Italia, i virologi dello Spallanzani sono riusciti ad isolare il virus responsabile dell’infezione. Un traguardo che per l’Italia ha significato essere tra i primi Paesi in Europa ad aver raggiunto questo risultato, ottenuto da un team di ricercatrici tutto al femminile. Da allora il motore scientifico dell’Inmi non si è mai fermato. A marzo il Comitato etico dello Spallanzani, insieme all’Agenzia del farmaco, è stato investito del ruolo di referente per le autorizzazioni delle sperimentazioni cliniche contro il coronavirus.  

L’ultimo tassello, forse quello più atteso, arriva dalla sperimentazione sull’uomo del vaccino contro il Covid. Un progetto che vede coinvolto l’Istituto, l’azienda ReiThera e il Cnr, con il finanziamento della Regione Lazio, del Miur e del ministero della Salute per un totale di 8 milioni di euro. Un traguardo che potrebbe essere tagliano nei primi mesi del 2021. Lo Spallanzani ha inoltre avuto un’attenzione particolare verso i tanti pazienti anziani colpiti dal coronavirus e ricoverati: fino al 10 maggio erano 176 i pazienti ‘over 65’ guariti e dimessi. Il caso record, di un’anziana di 100 anni in degenza ordinaria guarita dal virus. 

Lo Spallanzani fu inaugurato nel 1936 come presidio destinato alla prevenzione, diagnosi e cura delle malattie infettive, “con una dotazione di 296 posti letto in 15 differenti padiglioni e in un’area di 134mila metri quadrati. Nel corso degli anni il suo campo di interesse si è via via trasformato in conseguenza dell’evolversi delle malattie infettive prevalenti. Una sezione dedicata alla cura e riabilitazione della poliomelite fu attivata nel corso degli anni ’30 – riporta il sito dello Spallanzani – Nel 1970 l’epidemia del colera diventa una delle principali emergenze sanitarie, così come la salmonellosi”. 

“E’ durante questo periodo che l’ospedale inizia il suo impegno nei confronti dell’epidemia dell’epatite B, particolarmente collegata con le problematiche della tossicodipendenza. Questa esperienza rappresenta un punto di partenza verso una specifica competenza nel campo dell’epatite virale acuta e cronica – prosegue la pagina online dedicata alla storia dello Spallanzani – A partire dal 1980, l’ospedale è stato uno dei maggiori centri per l’assistenza, la cura e la ricerca sulle infezioni da Hiv e sull’Aids. Nel 1991, inizia la costruzione di un nuovo complesso ospedaliero, progettato in conformità ai più avanzati standard e con caratteristiche di isolamento delle patologie contagiose uniche nel Paese.  

Nel dicembre 1996, il ministero della Sanità ha riconosciuto lo Spallanzani lo stato di Irccs, ovvero Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Successivamente (2001-2003) il ministero della Salute ha identificato lo Spallanzani quale polo nazionale di riferimento per il bioterrorismo, e polo nazionale di riferimento per la Sindrome respiratoria acuta grave (Sars).  

Attualmente l’Istituto detiene l’unico laboratorio italiano di livello di biosicurezza 4 e cinque laboratori di livello 3. A fine aprile 2020 l’ultimo tassello per rafforzare la struttura: è stata inaugurata dal ministro della Salute Roberto Speranza l’Unità di alto isolamento: “Un centro per la lotta alle malattie infettive che ha l’ambizione di diventare un punto di riferimento in Europa”, ha affermato Nicola Zingaretti commentando la nuova Unità.  

Virologo Clementi: “Assistenti civici? Non servono spioni ma cautela” 

“Invece di mandare gli spioni in giro, sarebbe più intelligente parlare ai giovani con chiarezza: serve ancora un mese di cautela ed vanno evitati assembramenti che possono essere rischiosi”. Così all’Adnkronos Salute Massimo Clementi, ordinario di Microbiologia e virologia all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, direttore del Laboratorio di Microbiologia e virologia dell’Irccs ospedale San Raffaele, commenta l’ipotesi di istituire una nuova figura, l’assistente civico, per vigilare sul rispetto del distanziamento.  

“Un mese in cui si può essere più liberi ma avere anche pazienza – aggiunge – con comportamenti meno aggressivi rispetto a quelli che si sono visti nell’ultimo weekend. Da 30 anni sono in mezzo ai giovani e non mi sembra che siano così distratti da non capire il pericolo che corrono. Basta parlare loro con chiarezza – conclude – senza illuderli che tutto sia finito e il pericolo di contagi sfumato”.  

Caso tamponi Veneto-Crisanti, il virologo: “Reinventano storia a fini propagandistici” 

Milano, 23 mag. (Adnkronos Salute) (Opa/Adnkronos) 

“Mi sembra che si stia reinventando la storia per fini propagandistici. Da parte mia in questa squallida polemica non voglio entrarci nemmeno, io faccio il ricercatore”. Andrea Crisanti, responsabile del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova, parlando all’Adnkronos Salute si dice “veramente amareggiato” per quello che in queste ore è diventato un caso. Una battaglia mediatica che ruota intorno alla ‘paternità’ del modello Veneto sui tamponi per la diagnosi di Covid-19, risultato vincente nella gestione della fase 1 dell’emergenza coronavirus. “I tentativi di appropriarsi di qualcosa di non tuo sono meschini”, osserva Crisanti. “Evidentemente c’è un dividendo politico da incassare”. 

“Ho letto che la dottoressa Russo”, ricostruisce il virologo dell’università di Padova riferendosi a Francesca Russo, capo del Dipartimento di Prevenzione della Regione Veneto, “aveva un piano tamponi il 31 gennaio e questa è una baggianata. Lei questo piano non ce l’aveva, non c’era proprio l’obiettivo di cercare i pazienti asintomatici”, sostiene lo scienziato. Tant’è, riferisce, che “l’8 febbraio il suo Ufficio mi ha impedito di fare i tamponi alle persone che tornavano dalla Cina perché non era previsto dalle linee guida del Governo. Mi hanno anche minacciato di danno erariale”. 

“Il piano che ho visto della dottoressa Russo del 31 gennaio era quello del ministero della Salute, secondo cui i tamponi andavano fatti solo ai sintomatici – afferma Crisanti – Poi, presi dal panico, il 21-22 febbraio hanno fatto la scelta giusta” ossia “quella di tamponare bene. Ma non è stata una scelta sistematica – precisa – bensì una cosa occasionale di cui non hanno compreso il significato scientifico ed epidemiologico. Poi – ricorda il virologo – il 27-28 febbraio ho telefonato a Zaia ed è iniziato il vero piano tamponi del Veneto. Possono dire quello che vogliono, ma la realtà è questa”. 

“I fatti parlano chiaro e non ho bisogno di alimentare nessuna polemica”, incalza il ricercatore che trova la vicenda “davvero deprimente”, ma si dice “pronto a mostrare le carte: se vogliono che mostri tutta la documentazione lo farò, anche se preferirei non arrivare a questo punto”. 

“Chi ha combattuto per fare tamponi agli asintomatici?”, chiede Crisanti. “Se ne escono adesso, 2 mesi e mezzo dopo, e reinventano la storia per fini propagandistici”, commenta lo scienziato. “Il 31 gennaio – ripete – la dottoressa Russo non aveva nulla che prevedesse l’infezione degli asintomatici come vettore della trasmissione. E’ una cosa che abbiamo scoperto noi”, puntualizza e conclude: “Sono veramente desolato che per fini politici si speculi sulla sofferenza delle persone e di migliaia di morti”.