Data ultima modifica: 8 Novembre 2021

Da ‘figlio delle Hawaii’, Barack Obama lancia l’allarme sulle isole, “mai così minacciate” dai cambiamenti climatici. In un intervento alla Cop26 in corso a Glasgow, l’ex presidente degli Stati Uniti sostiene che a Parigi non ci sarebbe stato un accordo tanto ambizioso nel 2015 se non fossero state ascoltate le isole. Ma “non abbiamo fatto abbastanza e le nostre isole sono minacciate più che mai”, ha lanciato l’allarme Obama, dicendosi poi orgoglioso che l’amministrazione americana ed il presidente Joe Biden stiano dando alla questione “l’attenzione che merita”, impegnandosi con tre miliardi di dollari per sostenere i Paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici.  “Tutti noi abbiamo una parte da giocare – ha continuato l’ex presidente americano – tutti noi abbiamo un lavoro da fare, sacrifici da fare, ma quelli di noi che vivono nelle grandi nazioni ricche hanno un onere aggiuntivo per assicurare che stiamo lavorando e assistendo quelli che sono meno responsabili e meno in grado ma più vulnerabili a questa crisi”. Le isole, ha detto ancora, “sono in qualche modo come i canarini nelle miniere di carbone”, il campanello d’allarme che avverte, ‘se non si agisce adesso poi sarà troppo tardi’. Quindi, Obama ha concluso il suo intervento con un proverbio delle Hawaii: “Uniti per andare avanti”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]