Data ultima modifica: 2 Aprile 2022

(Adnkronos) – Il commercio mondiale di armi non conosce crisi e negli ultimi anni, pur in piena pandemia, ha visto aumentare il suo valore. I dati di riferimento sono quelli del libro annuale 2021 redatto da Sipri, Stockholm International Peace Research Institute e offrono risposte a domande più che mai attuali, come: quanto vale l’import/export di armi mondiale e quali sono i Paesi che comprano e vendono più armamenti?
 Sul fronte della fornitura e degli acquisti globali di sistemi d’arma, spiega Money.it, il commercio internazionale rimane su livelli piuttosto elevati nel quinquennio calcolato da Sipri, 2016-2020. I 5 principali Paesi esportatori di armamenti sono risultati Usa, Russia, Francia, Germania e Cina, che insieme hanno coperto la quota del 76% del volume totale delle esportazioni globali. In totale, Canada, Usa e i Paesi europei con la Russia hanno esportato armi per l’86% dell’export globale di settore. E l’Italia? Tra i dieci Stati che più hanno venduto armi c’è anche il Belpaese, come mostrato dalla classifica dei Paesi esportatori più importanti nel 2016-2020 (con percentuale della quota sul totale export): 1.Usa, 37% 2. Russia, 20% 3. Francia, 8,2% 4. Germania, 5,5% 5. Cina, 5,2% 6. Regno Unito, 3,3% 7. Spagna, 3,2% 8. Israele, 3,0% 9. Corea del Sud, 2,7% 10. Italia, 2,2% Chi compra maggiormente armamenti? Le 10 nazioni che hanno acquistato più armi tra il 2016 e il 2020 sono state (con percentuale rispetto al totale delle importazioni): 1. Arabia Saudita, 11% 2. India, 9,5% 3. Egitto, 5,8% 4. Australia, 5,1% 5. Cina, 4,7% 6. Algeria, 4,3% 7. Corea del Sud, 4,3% 8. Qatar, 3,8% 9. Emirati Arabi Uniti, 3,0% 10.Pakistan, 2,7% Il valore totale del commercio delle armi a livello mondiale è stato stimato di 118 miliardi di dollari nel 2019. Le 25 principali aziende mondiali che vendono armi e servizi militari hanno incassato 361 miliardi di dollari in quell’anno. 

[Voti: 1    Media Voto: 3/5]