Data ultima modifica: 13 Novembre 2021

Al vertice Onu sul clima di Glasgow si cerca un accordo in extremis. La 26esima Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, avrebbe dovuto chiudersi ieri alle ore 18.00 nella città scozzese, ma i negoziati proseguiranno oggi con l’obiettivo di unire le posizioni dei Paesi. Ad annunciarlo è il presidente della Cop26, Alok Sharma in un messaggio ai delegati pubblicato dall’Onu. “Con il mio team – sottolinea Alok Sharma – siamo ora impegnati in intense consultazioni nel tentativo di riflettere le opinioni espresse, trovare i giusti equilibri e sviluppare una dichiarazione finale che sia costruttiva. Le consultazioni, e poi l’elaborazione dei testi, richiederanno del tempo”. Una nuova riunione plenaria dovrebbe svolgersi intorno alle 10 e una terza versione del testo della dichiarazione finale sarà pubblicata sabato. “Saranno considerate la possibilità di riunioni plenarie formali nel pomeriggio di sabato per adottare decisioni e chiudere la sessione domani”. Non è una novità che i vertici sul clima si estendano oltre la quindicina di giorni previsti per i negoziati. Il precedente incontro, tenutosi a Madrid nel dicembre 2015, è stato il più lungo vertice della storia, poiché si è concluso la domenica mattina seguente, battendo il precedente record di lunghezza detenuto dalla Cop di Durban. Gli sforzi per appianare l’accordo continueranno quindi, dato che la plenaria si è tenuta venerdì pomeriggio per discutere le ultime bozze rilasciate dalla presidenza britannica venerdì mattina. Diversi paesi in via di sviluppo hanno chiesto più fondi alle nazioni sviluppate per intraprendere il processo di decarbonizzazione e di adattamento al cambiamento climatico, e chiedono più sostegno finanziario per le perdite e i danni che devono affrontare a causa dell’innalzamento del livello del mare e dell’aumento delle temperature estreme. Inoltre, un gran numero di paesi ha chiesto un’azione più forte sul processo di allontanamento dai combustibili fossili dopo che l’uso del linguaggio sul disaccoppiamento e sui sussidi ai combustibili fossili è stato indebolito nella bozza finale della decisione presentata venerdì mattina. D’altra parte, ci sono preoccupazioni circa la fissazione di un obiettivo di aumento della temperatura globale di 1,5°C per evitare i peggiori impatti del cambiamento climatico, che è una questione di “vita o di morte”, dato che molti paesi non sono disposti a spostarsi sul limite fissato dagli esperti di cambiamento climatico delle Nazioni Unite come punto di allarme rosso. La nuova versione della dichiarazione finale “invita” i paesi a rivedere e rafforzare i loro piani di riduzione delle emissioni per il 2030 e ad allinearli con l’obiettivo di temperatura dell’Accordo di Parigi è stata salutata come un linguaggio più forte rispetto alla prima versione della bozza che “esortava” i paesi a farlo. La nuova bozza include anche una scadenza del 2025 per i paesi sviluppati di raddoppiare i finanziamenti per aiutare le nazioni più povere e vulnerabili ad adattarsi agli impatti del cambiamento climatico di cui non sono i principali responsabili. I negoziati alla Cop26 proseguiranno oggi, riferiscono fonti alla Dpa coinvolte nei negoziati, mentre sono ancora in corso gli sforzi per salvare il limite di 1,5 gradi del riscaldamento globale. Una nuova bozza della dichiarazione finale non sarà presentata fino sabato mattino. Il vertice di Glasgow doveva concludersi venerdì, ma il dibattito sulla formulazione degli sforzi per eliminare gradualmente i combustibili fossili, tra le altre questioni, ha allungato i colloqui ai tempi supplementari.  Circa 40.000 delegati hanno partecipato alla mastodontica conferenza, al termine della quale tutti i 200 Stati dovranno adottare all’unanimità il testo definitivo. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]