Data ultima modifica: 27 Aprile 2021

Il check sul coprifuoco da parte del governo si terrà “a 2-3 settimane dalle aperture del 26 aprile, dunque metà maggio come abbiamo detto sin da subito, annunciando le aperture step by step. Se si può, ovvero se i dati lo consentono, valuteremo modifiche”. Lo spiegano fonti di governo all’Adnkronos. Per il momento, non è stata convocata nessuna cabina di regia dal premier Mario Draghi. Sarebbe stato raggiunto un accordo nella maggioranza sulla riformulazione dell’ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia in merito all’abolizione del coprifuoco. La nuova versione dell’atto di indirizzo, secondo quanto si apprende, impegnerebbe il governo “nel mese di maggio a valutare, sulla base dell’andamento del quadro epidemiologico oltre che dell’avanzamento della campagna vaccinale, l’aggiornamento delle decisioni prese con il decreto-legge n. 52 del 2021, anche rivedendo i limiti temporali di lavoro e spostamento”. “Noi non ci aspettiamo niente di particolare dall’esecutivo, sembra abbiano grandi difficoltà. Ci aspettiamo solo che trovino una soluzione concreta per gli italiani”, ha detto all’Adnkronos il capogruppo di Fdi alla Camera Francesco Lollobrigida.
 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]