Data ultima modifica: 4 Maggio 2021

Coprifuoco in Italia. “Siamo tutti d’accordo che debba essere superato e stiamo lavorando per superarlo il prima possibile” ha dichiarato da Londra, dove si trova per il G7, il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “Stiamo lavorando per fare in modo che più turisti possibile possano arrivare in Italia e che gli italiani possano viaggiare come turisti, dove vorranno andare”. “L’Italia è pronta ad accogliere tutti i turisti ed è pronta ad accogliere tutti coloro che vogliono vedere le nostre bellezze”, conclude Di Maio, sottolineando che “stiamo lavorando a delle misure che ci consentiranno di far ripartire il settore turistico” e ciò “ovviamente è un segnale di ripartenza”. “Un accordo commerciale è ovvio che debba essere coordinato dalla Commissione e dalle istituzioni centrali europee quindi lavoriamo in sinergia (con Bruxelles, ndr.) perché quell’accordo è un accordo tra Unione Europea e Cina” dice Di Maio. Al G7 “la Cina è stata un tema centrale con particolare attenzione al tema dei diritti umani come un’attenzione a tenere un canale di dialogo aperto su temi come il clima, la sostenibilità ambientale, che necessariamente vedono la Cina come attore fondamentale”. Ai Paesi del G7 “abbiamo chiesto collaborazione e sostegno sulla stabilità della Libia in generale ma in particolare sul creare nuove opportunità di investimento economico che aiutino il popolo libico ma anche le imprese italiane”. “Le imprese italiane nei prossimi mesi ricominceranno a costruire l’autostrada che va dal confine tunisino a quello egiziano. Cominceranno a costruire l’aeroporto internazionale di Tripoli e abbiamo avviato anche un percorso per la ricostruzione dell’aeroporto di Bengasi” conclude il titolare della Farnesina.    

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]