Data ultima modifica: 29 Ottobre 2020

Dall’estate sta circolando in Europa, arrivata dalla Spagna dove è stata osservata per la prima volta, una variante del Sars-CoV-2. Lo ha rilevato un team internazionale di scienziati che ha seguito il virus e scoperto la variante, denominata ’20A.EU1′. Lo studio è in fase di pubblicazione ma una parte è stata resa pubblica su ‘medRxiv’. A guidare la ricerca è stata Emma Hodcroft dell’Università di Basilea. Al di fuori della Spagna, la frequenza di questa variante è aumentata, da valori molto bassi registrati il 15 luglio, al 40-70% registrato a settembre in Svizzera, Irlanda e Regno Unito. “Al momento non è chiaro se questa variante si stia diffondendo a causa di un vantaggio che può avere nella trasmissione del virus – osservano i ricercatori – o se l’alta incidenza di casi registrati in Spagna, a seguito dalla diffusione estiva tra i turisti, sia sufficiente per spiegare il rapido aumento di questa variante in più Paesi”. Il team internazionale sta lavorando con i laboratori di virologia per verificare se ’20A.EU1′ porta una particolare mutazione nella proteina ‘spike’ che il virus usa per entrare nelle cellule umane e che potrebbe alterarne il comportamento. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]