Data ultima modifica: 16 Ottobre 2020

“Siamo a un livello arancione, temo un peggioramento della situazione. Salgono i casi testati e salgono i positivi”. Così Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, al termine della videoconferenza della task-force regionale per Covid-19 con i direttori generali delle Asl, aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù. I nuovi casi nel Lazio sono stati da ieri 795 con 5 morti. “Nelle province si registrano 279 casi e zero decessi nelle ultime 24 ore. Nella Asl di Latina sono quarantanove i nuovi casi e di questi trentanove sono con link familiare o contatto di un caso già noto e un caso con link ad una palestra dove è in corso l’indagine epidemiologica. Nella Asl di Frosinone si registrano cento nuovi casi e il dato tiene conto di circa sessanta recuperi di notifiche arretrate”. “Nella Asl di Viterbo si registrano ottanta nuovi i casi e si tratta di quarantasei casi con link familiare o contatto di un caso noto e tre i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl di Rieti si registrano cinquanta nuovi casi e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto” commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio. Nel Lazio sono 12.317 i casi attualmente positivi a Covid-19, 1.004 i ricoverati, cui si aggiungono 98 pazienti in terapia intensiva, e 11.215 in isolamento domiciliare. I guariti sono arrivati a 9.473, i decessi a 1.006 e il totale dei casi esaminati è pari a 22.796. Questo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.  Per quanto riguarda, invece, il vaccino contro l’influenza, dice D’Amato, nel Lazio sono state già somministrate 220mila dosi di vaccino e consegnate ai medici 776mila dosi, consigliando di “prenotare il vaccino antinfluenzale chiamando il tuo medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta”.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]