Data ultima modifica: 19 Dicembre 2021

“La Omicron potrebbe sparigliare completamente le carte, mentre la variante Delta sembra ancora prevalente ed è in qualche modo sotto un controllo accettabile”. Lo afferma, a ‘Mezz’ora in +’, Guido Rasi, già direttore dell’agenzia europea del farmaco (Ema) e oggi consulente del commissario per l’emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo.  “Due domande su Omicron stanno trovando risposte, anche se non ancora definitive. Qual è la severità della malattia, con il conseguente peso sui reparti ospedalieri? E quanto riuscirà ad evitare l’immunità indotta dai vaccini?”, dice Rasi. Dobbiamo assumere che i vaccini saranno ‘bucati’? “Dobbiamo assolutamente prevedere quello scenario. Le prime osservazioni scientifiche che arrivano dall’Imperial College dicono che 2 dosi di vaccino rendono al 20-50% di protezione per la malattia sintomatica. La terza dose, almeno nell’immediato, protegge dal 50 al 70% dalle forme sintomatiche. Ancora non è chiaro quanto protegga dall’infezione. Non sappiamo se i vaccini attuali siano in grado di prevenire la trasmissione, stiamo parlando di Omicron”.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]