Data ultima modifica: 20 Luglio 2020

“Sono 885 gli attuali casi positivi a Covid-19 nella Regione Lazio, 175 i ricoverati non in terapia intensiva” e “9 i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 701, i deceduti sono 851, il totale dei guariti 6.714 e il totale dei casi esaminati 8.450”. Lo evidenzia il bollettino dell’Unità di crisi Covid-19 della Regione Lazio.  “Oggi registriamo un dato di 14 casi. Di questi, 11 sono casi di importazione: 4 di nazionalità del Bangladesh, uno dal Venezuela, tre dall’India, uno dal Montenegro, uno dalla Tanzania e uno dalla Romania. Indossare le mascherine è un elemento importante se non vogliamo correre il rischio di fare come la Catalogna. I Paesi attorno all’Italia hanno tutti casi in aumento e a Roma abbiamo l’aeroporto più importante a livello nazionale”, sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione, Alessio D’Amato, illustrando i dati delle ultime 24 ore e ribadendo di non abbassare la guardia. Nella Asl Roma 1 si registrano quattro nuovi casi: due sono persone di nazionalità del Bangladesh e si riferiscono all’esito dei tamponi sulla comunità del Bangladesh richiamati al drive-in; uno è una donna di rientro dal Venezuela con scalo negli Stati Uniti per la quale sono state attivate le procedure del contact tracing internazionale, e un caso riguarda una donna con link a un cluster familiare già noto e isolato. Nella Asl Roma 2 dei quattro nuovi casi nelle ultime 24 ore, uno è una persona di nazionalità del Bangladesh e si riferisce all’esito dei tamponi sulla comunità del Bangladesh richiamati al drive-in; uno riguarda una persona di nazionalità indiana ora ricoverata allo Spallanzani; uno è una persona di nazionalità italiana di rientro dal Montenegro e uno è un caso di rientro dalla Tanzania. Per gli ultimi tre casi sono state attivate le procedure del contact tracing internazionale.  Nella Asl Roma 6 sono tre i nuovi casi nelle ultime 24 ore: uno riguarda una persona di nazionalità del Bangladesh e si riferisce all’esito dei tamponi sulla comunità del Bangladesh richiamati al drive-in; uno è un uomo di rientro dalla Romania dove si era recato per motivi sanitari; un caso riguarda una donna in accesso al pronto soccorso del Vannini e ora ricoverata al Policlinico Umberto I. Infine, per quanto riguarda le province si registrano due nuovi casi nella Asl di Latina: due uomini di nazionalità indiana a Sabaudia per i quali è stata avviata l’indagine epidemiologica.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]