Data ultima modifica: 5 Marzo 2021

Sono 1.027 nuovi casi di Coronavirus registrati oggi, 5 marzo, nelle Marche, il 22% dei tamponi processati (ieri 23,3%). Aumentano anche i ricoveri: oggi sono +18. Nelle ultime 24 ore sono state registrate altre 11 vittime, si tratta di 5 uomini e 6 donne, di età compresa tra i 78 e i 99 anni, tutti con patologie pregresse. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione  Ancona e Macerata rosse Il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, come preannunciato ieri, ha firmato una ordinanza alla luce della nuova normativa disposta dall’ultimo Dpcm. Dalle 00:00 del 6 marzo le province di Ancona e Macerata saranno in zona rossa. Si applicano tutte le misure del nuovo Dpcm compresa la chiusura e didattica a distanza per tutte le scuole di ogni ordine e grado e le università. Va sottolineato che in base all’ultimo Dpcm del 2 marzo che entrerà in vigore domani, sabato 6 marzo, nelle zone cambiano alcune regole. 
Province Fermo, Pesaro Urbino e Ascoli Piceno in arancione
 Le Province di Pesaro e Urbino, Fermo e Ascoli Piceno restano in zona arancione. Si applicano dunque tutte le misure previste nel Dpcm per le cosiddette zone arancioni. Lo prevede la nuova ordinanza del presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, alla luce della nuova normativa disposta dall’ultimo Dpcm. Dalle 00:00 del 6 marzo alle province va aggiunta la chiusura delle scuole secondarie di primo grado e di secondo grado (medie e superiori), statali e paritarie, delle attività formative e curricolari delle Università, delle istituzioni alta formazione artistica, musicale e coreutica, che restano in didattica a distanza al 100%. Resta in ogni caso, sia in zona rossa che in zona arancione, sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per laboratori e per l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e bisogni educativi speciali. Queste in sintesi le indicazioni dell’ordinanza che sarà in vigore fino a domenica 14 marzo.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]