Data ultima modifica: 19 Marzo 2021

Sulla campagna vaccinale anti Covid in Europa “sono estremamente fiduciosa che raggiungeremo l’obiettivo”. Ha risposto così Ursula von der Leyen in un’intervista a La Repubblica sul target fissato dalla stessa presidente della Commissione Ue che prevede di vaccinare il 70% della popolazione adulta entro la fine dell’estate. Ieri, ha insistito, “abbiamo mandato una lettera di messa in mora ad AstraZeneca” per i ritardi nelle forniture “perché vogliamo attivare un processo strutturato di soluzione delle dispute”. “Siamo concentrati a fare di tutto per ridurre la diffusione del virus aumentando e stabilizzando le forniture dei vaccini”, ha detto, “profondamente convinta che capiremo tutti che l’approccio giusto era di stare insieme come Ue”. “Quando abbiamo negoziato i contratti con aziende che avevano richieste da tutto il mondo, a farlo eravamo 450 milioni di europei – ha aggiunto – Nessun Paese da solo avrebbe ottenuto un portafoglio di vaccini tanto vasto”. E alla domanda se abbia sentito Boris Johnson, von der Leyen ha confermato che “i nostri team sono in contatto”, premendo sulla richiesta di “maggiore apertura” e “reciprocità”. “AstraZeneca – ha insistito – deve consegnare all’Europa anche dalla Gran Bretagna”. “L’Europa ha esportato fiale verso 33 nazioni tra le quali ce ne sono alcune che producono vaccini, come la Corea del Sud. L’invito ad avere un flusso reciproco – ha affermato – è sul tavolo”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]