Data ultima modifica: 6 Ottobre 2020

Di Ilaria Floris “Finalmente un po’ più di civiltà, benissimo. Per fortuna che ci son riusciti, adesso ci vuole immediatamente l’abolizione della Quota 100 e dello ius soli, subito, veloci”. E’ il commento all’Adnkronos di Oliviero Toscani, che interviene così sul nuovo decreto immigrazione e sicurezza che abolisce di fatto i decreti varati dall’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Io spero che stiamo andando, anche se con molta lentezza, verso l’essere più civili -aggiunge Toscani- Quella è la strada se vogliamo sopravvivere. Ora si comincia a capire che il sovranismo era tutto sbagliato. Vuol dire che stiamo cominciando a ragionare”.  E sulle accuse di ‘buonismo’ , il celebre fotografo – che più volte è intervenuto sulla questione migranti e non ha mai fatto mistero della sua posizione favorevole all’accoglienza- risponde netto: “Io non sono assolutamente un buonista. E’ un ragionamento da macho imbecille, da fratelli bianchi. Non è buonismo, è giustizia -affonda Toscani- Accettiamo il fatto che dovremmo vivere in uno stato di diritto: se non è per tutti, non è uno stato di diritto. Deve essere per tutti altrimenti c’è una discriminazione. Io lo faccio anche egoisticamente, voglio vivere in una società moderna e civile. La libera circolazione dell’essere umano è una grande opportunità”. E conclude con una stilettata al governo: “Bisogna che questi 5 stelle si decidano da che parte vogliono essere, e lascino cascare le loro promesse inutili”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]