Data ultima modifica: 27 Settembre 2020

Il Comune di Firenze, in segno di apprezzamento per le tematiche trattate, ha conferito le Chiavi della Città al Festival nazionale dell’Economia civile. Il riconoscimento è stato consegnato a Leonardo Becchetti (direttore del Festival nazionale dell’Economia civile e co-fondatore di NeXt), Augusto Dell’Erba (presidente di Federcasse), Maurizio Gardini (presidente di Confcooperative), Stefano Zamagni (professore di economia politica all’Università degli Studi di Bologna e presidente Pontificia Accademia Scienze Sociali) e Luigino Bruni (presidente Sec). Presente e officiante alla cerimonia – svoltasi nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio dove si svolge il Festival – il sindaco Dario Nardella, che ha conferito le Chiavi della Città. A Stefano Zamagni, recita la motivazione, “per i suoi studi pioneristici e l’impegno incessante nella diffusione dell’Economia Civile”. A Luigino Bruni “per il suo costante impegno nello studio e nella divulgazione dell’Economia Civile”. A Leonardo Becchetti “per l’impegno senza sosta nello studio, nella formazione, nella divulgazione e nella traduzione in policy pubbliche e stili di vita individuali dell’Economia e della Finanza civili”. A Augusto Dell’Erba “per l’impegno di Federcasse e del Credito Cooperativo per lo sviluppo sul piano scientifico e culturale e la declinazione quotidiana dei princìpi dell’Economia e della Finanza civili nelle comunità”. A Maurizio Gardini “per l’impegno di Confcooperative e delle cooperative per l’attuazione dei princìpi dell’Economia civile in tutti i settori dell’Economia”.  “Un gesto che esprime bene la gratitudine mia e della comunità fiorentina alle donne e agli uomini che hanno dato vita a questo appuntamento, un festival, sì, ma anche e soprattutto un luogo di ascolto, riflessione, discussione, partecipazione, creazione. – ha detto il sindaco Nardella alla consegna – Non è un caso che la manifestazione sia nata e fiorita a Firenze, città patrimonio dell’umanità, i cui scienziati, artisti, filosofi, inventori sono parte integrante e cruciale del pensiero occidentale e della cultura moderna. Firenze ha il compito di essere, come diceva il grande sindaco La Pira, la ‘città sul monte’, capace di illuminare il pensiero, indirizzare i grandi processi, anticipare idee e invenzioni”.  “Con la consegna delle Chiavi della città va quindi a tutti loro un grande grazie per questa iniziativa importante, per ciò che hanno fatto come docenti, imprenditori e rappresentanti di associazioni e uno stimolo a proseguire con tenacia e energia questo percorso”, ha concluso Nardella. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]