Data ultima modifica: 9 Luglio 2020

“Basta con la politica dei selfie con la bandiera. Servono piani concreti per l’Italia che così, a ripartire non ce la fa. E cosa han fatto i politici, mentre tutti gli altri in Europa hanno prodotto soluzioni vere?”. Lo dice intervistato dal Corriere della Sera, Emanuele Filiberto di Savoia, a proposito del suo nuovo movimento che si chiama Realtà Italia. “Se Realtà Italia, il nome della mia nuova associazione, sarà in futuro un movimento politico o se resterà un movimento di idee per l’Italia non lo so. Ma se – spiega – deve finire in politica, che sia”. E osserva: “Dico quel che penso: non è questa l’Italia che sognavo in esilio. I giovani senza futuro”. Sul fatto che il ministro dell’Economia Gualtieri prometta meno tasse e più risorse alla scuola dichiara: “Non mi convince il governo e neppure l’opposizione che riempie le piazze. Negli Usa ho un’attività di ristorazione on the road con i truck Prince of Venice. Con il Covid ho dovuto chiudere due mesi, mettere i dipendenti in cassa integrazione… bene tutti hanno subito ricevuto un bonus di lavoro. Quanto agli affari, in tempo di crisi è l’ora di cogliere opportunità: sto rilevando nuovi locali per ampliare poi il business. E intanto con Realtà Italia porterò a un tavolo virtuale, con il webinar Meraviglia Italia, questa sera alle ore 18, imprenditori del turismo e della bellezza”. “Questa sarà un’estate di idee per il Paese che amo. Ma non c’è – riferisce – visione di lungo termine, sanità e scuola da ricostruire, disoccupazione”. E conclude: “Non mi serve la politica per vivere. E non dico di avere la soluzione ma i giusti contatti per mettere attorno a un tavolo persone che saprebbero cosa fare: sono solo un aggregatore, un incubatore o un incanalatore di idee”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]