Data ultima modifica: 20 Luglio 2020

Mercoledì 22 luglio alle 15 a Palazzo dei Normanni, sede del Comando Militare dell’Esercito in Sicilia, si terrà il convegno “Caserme Verdi – per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno”. L’importante appuntamento, organizzato nel pieno rispetto delle limitazioni per il contenimento della diffusione del Covid-19, avverrà sotto forma di webinar in triplice collegamento tra Palermo, Roma e Messina. Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, promotore dell’iniziativa a livello nazionale, parteciperà direttamente da Palazzo Esercito in Roma. Da Palermo, ospiti del Comandante Militare dell’Esercito in Sicilia, Generale di Divisione Maurizio Angelo Scardino, oltre ai conferenzieri, sono stati invitati ad assistere al consesso il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Gianfranco Miccichè, il Sindaco Leoluca Orlando, il Prefetto Giuseppe Forlani e l’Arcivescovo Corrado Lorefice. Il Comandante della Brigata “Aosta”, Generale di Brigata Bruno Pisciotta, si unirà alla videoconferenza da Messina, così come il Prefetto Carmela Librizzi, il Sindaco Cateno De Luca, l’Arcivescovo Giovanni Accolla, il magnifico Rettore ed il Soprintendente ai Beni Culturali della città dello stretto. Il convegno sarà aperto dal Generale Farina e proseguirà con gli interventi del Generale di Divisione Vasco Angelotti, Capo Dipartimento Infrastrutture dello Stato Maggiore Esercito, che illustrerà i lineamenti progettuali dello “Studio Grandi Infrastrutture – Caserme Verdi”, dell’Architetto Lina Bellanca, Soprintendente per i beni culturali e ambientali di Palermo, che illustrerà il contributo dell’Ente alla valorizzazione delle infrastrutture dell’Esercito in città e del Professor Pietro Paolo Corso, docente della locale Università degli Studi, che evidenzierà le collaborazioni in atto e future con l’Esercito in Sicilia. A chiusura degli interventi, gli indirizzi di saluto delle autorità intervenute, tra cui il Presidente della Regione Nello Musumeci, particolarmente vicino alla Forza Armata, e il Presidente dell’ARS Gianfranco Miccichè che dedicherà un breve cenno alla bozza di accordo di collaborazione tra Il CME Sicilia e l’Assemblea Regionale su un progetto condiviso di ricerca, innovazione e formazione, strumentale alla valorizzazione e fruibilità degli immobili del Demanio Militare presenti nel territorio della Città di Palermo. Al termine della conferenza, il Generale Farina chiuderà i lavori. Moderatrice Elvira Terranova, Capo Servizio cronista di Adnkronos in Sicilia. Durante la presentazione, si discuterà dell’importanza dell’ammodernamento del parco infrastrutturale della Forza Armata attraverso la realizzazione di basi militari di nuova generazione, che garantiranno l’apertura alla popolazione, migliori standard di efficienza energetica e riduzione del footprint ambientale. In Sicilia, il progetto coinvolgerà le caserme “Ciro Scianna” di Palermo, sede dei Reggimenti Genio e Logistico della Brigata “Aosta” e del Reparto di Supporto Generale del CME Sicilia, e “Crisafulli Zuccarello” di Messina, sede del 5° Reggimento fanteria e di altri elementi organizzativi della Brigata “Aosta”. Con gli interventi dei rappresentanti delle Istituzioni locali verrà, inoltre, evidenziata la particolare situazione del parco infrastrutturale della Forza Armata afferente al Comando Militare dell’Esercito in Sicilia, costituito in prevalenza da immobili di grande pregio architettonico e monumentale, oltre che da preziose strutture socio-ricreative e sportive. In tale ambito, verrà riconosciuto lo sforzo sinergico “Esercito – Istituzioni locali” che, ad integrazione del virtuoso progetto nazionale “Caserme Verdi” ed ispirato alle medesime linee guida e criteri, è finalizzato a mantenere il patrimonio infrastrutturale in gestione, valorizzandolo ed ottimizzandone utilizzo e condivisione con la cittadinanza. Per l’occasione, il webinar sarà disponibile in streaming, mentre alcune postazioni “in presenza” sono state predisposte per accogliere in ampie aree di Palazzo dei Normanni, qualificati esponenti del mondo universitario, industriale, della ricerca e i rappresentanti dei media che vorranno accreditarsi.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]