Data ultima modifica: 14 Giugno 2020

”In relazione ad una ‘anonima’ intervista di un presunto infermiere, apparsa oggi sul quotidiano La Repubblica, l’IRCCS San Raffaele ribadisce che con la piena ed incondizionata collaborazione della Struttura, la ASL RM 3 e la Regione Lazio stanno proseguendo l’indagine epidemiologica volta all’accertamento di quanto e del perché accaduto. Ogni illazione, pertanto, è allo stato del tutto priva di riscontro e si smentiscono le affermazioni contenute nell’articolo, ivi compresa la falsa affermazione secondo la quale vi sarebbero stati casi di positività tra il personale medico”. Così in un nota l’Irccs San Raffaele Pisana di Roma.  ”Si riconferma, inoltre, come l’Azienda abbia sempre posto in essere le cautele e precauzioni previste dalle norme nazionali e regionali in materia di Covid-19 e del suo contrasto, ivi compresa la messa a disposizione del personale di tutti i presidi previsti dalle norme. Allo stato sono in corso approfondimenti circa un presunto collegamento con i casi positivi riscontrati nel centro Rai di Saxa Rubra e la Direzione Sanitaria porrà a disposizione della Asl ogni documentazione al riguardo che dovesse essere richiesta”. ”Si ricorda, peraltro, che sin dal 9 marzo 2020 nessun familiare ha avuto accesso alla struttura se non in pochissimi casi debitamente autorizzati e strettamente controllati e con l’applicazione di tutte le relative cautele. Si ringraziano, infine, tutti i nostri dipendenti, medici, infermieri, operatori sanitari, fisioterapisti ed amministrativi per la loro immensa dedizione e abnegazione professionale, unitamente ai Dirigenti e Tecnici della ASL RM 3 e della Regione Lazio per la tempestività del loro intervento e la notevole professionalità dimostrata sin qui nell’impegno comune per il contrasto alla diffusione virus”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]