Data ultima modifica: 31 Ottobre 2021

“È sicuramente il momento di mettere da parte le nostre differenze e cogliere questa opportunità unica per avviare una sostanziale ripresa verde mettendo l’economia globale su una traiettoria sostenibile e sicura e quindi salvare il nostro pianeta”. A dichiararlo è stato il Principe Carlo, intervenendo sull’emergenza climatica al vertice del G20 a Roma. Abbiamo “un’enorme responsabilità nei confronti delle generazioni che ancora devono nascere”, ha sottolineato ancora. “Dalle condizioni di salute del pianeta oggi dipenderanno la salute, la felicità e la prosperità economica delle generazioni future”, ha affermato.  Il settore privato è “già qui, desideroso di lavorare con voi e pronto a svolgere un ruolo estremamente significativo e rivoluzionario”: con queste parole il principe Carlo ha esortato nel suo intervento i partecipanti al vertice del G20 di Roma a coinvolgere il settore privato nello sforzo globale per contrastare le sfide climatiche. Poi l’appello a congiungere gli sforzi alla vigilia della Cop2
6: “Domani a Glasgow inizia la Cop26. E’ l’ultima opportunità. Ora dobbiamo tradurre le belle parole in azioni ancora più belle”.  E’ “impossibile non ascoltare” le “voci disperate dei giovani” che guardano ai leader mondiali come ad “amministratori del pianeta”, che hanno in mano “il loro futuro”, continua quindi il principe invitando ad ascoltare sul clima la voce delle giovani generazioni che chiedono di raccogliere senza tardare la sfida dell’emergenza climatica.   

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]