Data ultima modifica: 13 Giugno 2020

“Dedico ai miei genitori e a mia sorella questa qualificazione, ringrazio il mondo del calcio che mi è stato vicino”. Dedica speciale del tecnico del Napoli, Rino Gattuso, che nei giorni scorsi ha perso la sorella, al termine della semifinale di ritorno di Coppa Italia contro l’Inter che ha permesso ai partenopei di accedere alla finalissima di mercoledì prossimo contro la Juventus. “Siamo ripartiti dove abbiamo finito 95 giorni fa. La squadra è convinta e lavora bene durante la settimana. Sono ragazzi che stanno dando tutto, questi sono giocatori giovani di grandissima qualità. Se riusciamo a fare al meglio le due fasi credo che possiamo toglierci delle belle soddisfazioni”. E’ fiducioso in vista della finale di Coppa Italia contro la Juventus il tecnico del Napoli, Rino Gattuso, che ai microfoni della Rai ha commentato la qualificazione alla finalissima conquistata grazie all’1-1 in rimonta al San Paolo contro l’Inter dopo che i partenopei si erano imposti a San Siro 1-0 nel match di andata. “Affrontiamo una squadra abituata a vincere, con la grande personalità e con tanti campioni, ma ce la possiamo giocare. Dovremo fare una grande partita –prosegue il tecnico calabrese-. Siamo stati bravi a fare meno danni possibili, è successo qualcosa di difficile, è cambiato il mondo e venire allo stadio con le mascherine e stare attenti a rispettare le distanze non è facile. Rispetto per le tante persone che ci hanno lasciato”. “Coi giocatori c’è un ottimo feeling. Poi devo fare delle scelte ma poterne cambiare 5 con la qualità della rosa è molto importante. Il rapporto c’è con Insigne ma anche con tutta la squadra”, conclude. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]