Data ultima modifica: 29 Gennaio 2021

“Siamo stati molto chiari con il presidente della Repubblica: siamo per il Conte ter, non vogliamo neanche trovarci nella condizione di fare una riflessione su un governo senza Conte, perché bruciare l’ipotesi Conte significherebbe tenere aperta la crisi per un’altra ventina di giorni, a quel punto meglio andare a votare”. Lo ha detto il senatore Andrea Causin, vicepresidente del gruppo Europeisti a palazzo Madama, intervenendo a “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus.  “Se non dessimo fastidio non ci avrebbero attaccato – ha aggiunto Causin – il fatto che siamo riusciti a costituire questo gruppo ha dato fastidio a molti, quindi l’ironia che viene fatta nei nostri confronti ci sta. Qualcuno si aspettava che mettessimo dentro personalità che meglio si prestavano ad attacchi, invece siamo tutte persone normali, che hanno una visione comune dell’Europa.  “Siamo andati al Quirinale, abbiamo detto quello che volevamo dire e stiamo facendo il nostro lavoro. Lo spirito del nostro gruppo parte dall’intervento del Presidente Conte e dal fatto che oggi l’Italia si salva solo grazie all’Europa. Non oso pensare cosa succederebbe se ci fosse un governo sovranisti che entrasse in rotta di collisione con l’Ue”, ha concluso Causin. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]