Data ultima modifica: 31 Gennaio 2021

Per via della fuga di notizie di ieri, è saltata la riunione della fronda M5S anti Renzi che avrebbe dovuto tenersi in mattinata, a partire dalle 10, su una piattaforma online. I parlamentari – una ventina di persone tra Camera e Senato – avrebbero dovuto fare il punto sul ritorno in maggioranza con il leader Iv, una decisione che osteggiano apertamente, contestando “l’inversione a U” definita dai vertici grillini. Intanto è netto il post del ministro M5S Luigi Di Maio sulla crisi: “È stato scelto il momento peggiore per aprire una crisi di governo che sta bloccando il Paese”, spiega, sottolineando che “il bollettino covid ogni giorno ci ricorda che ancora ci sono troppe vittime. La situazione è tutt’altro che rassicurante, anche perché i colossi farmaceutici stanno mettendo a rischio la nostra campagna di vaccinazione”. “Sarò duro, ma siamo in guerra contro un nemico invisibile che quotidianamente uccide persone e che sta mettendo in ginocchio il comparto produttivo del Paese – scrive Di Maio – In questi momenti serve un esecutivo forte, mentre noi agli occhi del mondo appariamo deboli”. “Quindi o ci mettiamo in testa che dobbiamo ripartire in fretta con un nuovo governo puntando a sfruttare al meglio i 209 miliardi del recovery – esorta il ministro – oppure le future generazioni piangeranno le follie di una politica che invece di pensare ai problemi degli italiani, litigava per le poltrone”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]