Data ultima modifica: 8 Marzo 2022

(Adnkronos) –
Guerra Ucraina Russia, da oggi corridoi umanitari aperti. Il cessate il fuoco per permettere l’evacuazione dei civili da Kiev, Chernihiv, Sumy scatterà alle 10 ora di Mosca (le 8 in Italia). Lo ha riferito, riporta la Tass, il quartier generale di coordinamento interdipartimentale della Federazione russa. A rendere nota la notizia dei corridoi umanitari era stata la delegazione russa presente al ieri terzo round di negoziati, durato tre ore. “Gli ucraini ci hanno dato assicurazioni, noi speriamo che i corridoi umanitari saranno aperti da domani (oggi ndr)”, ha affermato il capo della delegazione russa, l’ex ministro della Cultura russo Vladimir Medinsky, esprimendo delusione sull’andamento delle trattative. “Le nostre aspettative non si sono attuate”, ha affermato, secondo quanto riporta Gazeta.ru. La delegazione russa ha presentato agli ucraini una bozza di documento di accordo.  Di “piccoli ma positivi” passi per il miglioramento della logistica dei corridoi umanitari dalle città assediate, ha parlato Mykhailo Podolyak, del team negoziale ucraino, al termine del terzo round di colloqui con la delegazione russa. Non vi sono invece novità per quanto riguarda il conflitto. “Per quanto riguarda l’aspetto politico, che comprende un cessate il fuoco e la fine in generale delle ostilità, continuano intensive consultazioni”, ha aggiunto. Un quarto round di negoziati fra Russia e Ucraina si terrà “nel brevissimo futuro”, ha anticipato il Presidente della Commissione Esteri della Duma, e membro della delegazione di Mosca alle trattative, Leonid Slutsky. Il prossimo round si terrà nuovamente in Bielorussia, ha aggiunto, parlando alla televisione russa. “Non dico ancora la data esatta, che sarà definita forse domani (oggi ndr)”, si è limitato a precisare. La Russia è pronta a fermare le ostilità “in qualsiasi momento” se Kiev rispetta le condizioni poste da Mosca aveva detto ieri mattina il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass. Le richieste da parte di Mosca sono sempre le stesse, ribadite da Putin nella telefonata al presidente del Consiglio europeo Charles Michel, riguardo a quella che viene definita la “denazificazione e smilitarizzazione” dell’Ucraina, il riconoscimento della sovranità russa sulla Crimea e dell’indipendenza delle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk. I primi due round di negoziati, ospitati sempre dalla Bielorussia, si sono tenuti il 28 febbraio ed il 2 marzo. Secondo quanto riporta la Tass, in un’altra dichiarazione a Russia-24, il negoziatore russo Leonid Slutsky ha detto che “durante il secondo round, la parte ucraina ha dimostrato capacità negoziale”. “Si rendono conto che è in gioco la vita della popolazione, questa è la nostra comune priorità”, ha aggiunto. 
Zelensky
 “Al sud del paese abbiamo visto una tale quantità di ‘ucrainità’ che non avevamo mai visto prima. Hanno colpito un vecchio panificio, una chiesa dell’800. Perché? I corridoi umanitari li mantengono solo nella direzione del loro paese per poche decine di persone. Perché? Solo per fare scena, per farli riprendere dalle telecamere e dire come hanno salvato la popolazione. Che cinismo”. Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un nuovo video sui social. “Resto a Kiev, non mi nascondo e non ho paura”, ha affermato ancora aggiungendo: “Quanto serve per vincere questa guerra!”. I negoziati con la Russia proseguiranno fino al raggiungimento di un risultato nell’accordo, ha quindi detto il presidente ucraino. “Oggi (ieri ndr) si è svolto il terzo round di negoziati in Bielorussia, vorrei dire il terzo e l’ultimo, ma siamo realisti. Pertanto, parleremo, insisteremo sui negoziati finché non troveremo un modo per dire al nostro popolo: ‘è così che arriveremo alla pace'”, ha detto. Nel video si vede Zelensky nel suo ufficio a Kiev ed è la prima volta dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio. Guardando fuori dalla finestra, il presidente ucraino dice: “Resto a Kiev. Nel mio ufficio. Non mi nascondo. E non ho paura di nessuno”. 
Telefonata Draghi-Scholz
 Ieri sera il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto stasera una conversazione telefonica con il cancelliere della Repubblica federale di Germania, Olaf Scholz, incentrata sulla situazione sul terreno in Ucraina, sulla risposta europea in termini umanitari e sanzionatori e sulle conseguenze in ambito energetico della crisi in atto. I due leader, riferisce una nota, hanno concordato di tenersi in stretto contatto nei prossimi giorni anche in vista del Vertice informale in programma giovedì e venerdì. 
Telefonata Biden-Macron-Macron-Scholz-Johnson
 I leader di Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito hanno riaffermato la loro “determinazione a continuare ad aumentare i costi sulla Russia per la sua invasione ingiustificata e non provocata dell’Ucraina”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dalla Casa Bianca dopo la telefonata tra Joe Biden, Emmanuel Macron, Olaf Scholz e Boris Johnson. I quattro leader “hanno anche sottolineato il loro impegno a continuare a fornire assistenza economica, umanitaria e di sicurezza all’Ucraina e hanno discusso dei loro rispettivi colloqui con i presidenti russo e ucraino”.
 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]