Data ultima modifica: 29 dicembre 2015

L’iniziativa si unisce a quelle messe in campo da istituzioni, associazioni e volontari con l’hashtag #noaibottidicapodanno.
L’accensione ed il lancio di fuochi d’artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti ed il lancio di razzi è una tradizione spettacolare che spesso però fa registrare vittime: alcuni perdono la vita, altri restano menomati.

Anche gli animali corrono gravi pericoli in quanto, avendo un udito molto più sensibile del nostro, vivono, durante le feste e all’avvicinarsi del 31 dicembre, momenti di vero terrore con conseguenze spesso fatali: nei gatti, e soprattutto nei cani, un botto crea forte stress e spavento, perdono la ragione, tentano di fuggire dai propri giardini e recinti, per scappare dal rumore a loro insopportabile, si feriscono per cercare di scavalcare una recinzione, non prestano attenzione alle automobili sulla strada e, se deboli di cuore, rischiano l’infarto.

Pur apprezzando le iniziative di molti comuni che hanno adottato ordinanze di divieto all’uso dei fuochi d’artificio – ha dichiarato il Sindaco di Ciampino, Giovanni Terzulliabbiamo ritenuto che il metodo più efficace fosse quello di rivolgersi direttamente alla sensibilità delle persone, perché crediamo che non è con la repressione che si ottiene il rispetto, piuttosto con il senso di civiltà di ognuno di noi”.

L’Amministrazione Comunale di Ciampino rivolge dunque un appello al senso di responsabilità individuale e alla sensibilità collettiva, affinché ciascuno sia pienamente consapevole delle conseguenze che tale comportamento può avere per la propria sicurezza e per quella degli altri.

Accogliamo quindi l’invito di Enpa, LAV, Lipu, Oipa e di tutte le Associazioni animaliste, aderendo all’iniziativa “No Ai Botti di Capodanno”, contro i petardi e botti e artifici pirotecnici di ogni genere, pericolosi per animali e persone.

 
Leggi con attenzione la guida ad un uso consapevole e i controlli in corso della Polizia Locale
 
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]