Data ultima modifica: 26 Dicembre 2020

Anche per la giornata di oggi, 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, tutta Italia è zona rossa. Ma quali sono misure e regole adottate dal governo per fronteggiare i rischi legati alla diffusione del Coronavirus? Innanzitutto, per quanto riguarda gli spostamenti, la premessa è che il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre un motivo legittimo di spostamento, così come gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità sono sempre possibili, senza distinzione tra giorni e orari. Da decreto, oggi sarà possibile spostarsi in un altro comune, purché all’interno della propria regione, una sola volta al giorno, per fare visita a parenti o amici, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono. E’ importante ricordarsi sempre di portare con sé l’autocertificazione.  Nel decreto, prevista anche un’eccezione significativa: lo spostamento per dare assistenza a persone non autosufficienti sarà infatti consentito anche tra comuni/regioni in aree diverse, ove non sia possibile assicurare loro la necessaria assistenza tramite altri soggetti presenti nello stesso comune/regione. Non è possibile, comunque, spostarsi in numero superiore alle persone strettamente necessarie a fornire l’assistenza necessaria: di norma la necessità di prestare assistenza non può giustificare lo spostamento di più di un parente adulto, eventualmente accompagnato dai minori o disabili che abitualmente egli già assiste”.  Spostamenti Natale, seconde case, congiunti: faq su decreto governo Quanto a negozi e ristoranti si applicano su tutto il territorio nazionale le disposizioni previste per le ‘zone rosse’. Quindi resteranno chiusi ma sarà consentito l’asporto (fino alle 22) e le consegne a domicilio. I negozi che, in generale, possono restare aperti nei giorni rossi sono:  – supermercati, ipermercati, discount, alimentari, minimarket, surgelati; – elettronica di consumo, computer, apparecchiature informatiche e telecomunicazioni; – tabaccai; – stazioni di servizio; – negozi di ferramenta, vernici e piastrelle; – librerie; – illuminazione e sistemi di sicurezza; – edicole; – cartolerie; – farmacie e parafarmacie; – ortopedie; – profumerie; – erboristerie; – fioristi e vivaisti; – negozi di prodotti per animali domestici; – ottici; – fotografi; – negozi di vendita di combustibili per uso domestico e per riscaldamento; – negozi di saponi, detersivi, prodotti per la pulizia e affini; – pompe funebri; – commercio ambulante di prodotti alimentari e bevande, ortofrutta, pesce, carne, fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti, profumi e cosmetici, saponi, detersivi ed altri detergenti, biancheria, confezioni e calzature per bambini e neonati; – lavanderie e tintorie; – barbieri e parrucchieri. – Disponibile anche il commercio al dettaglio di qualsiasi prodotto via Internet, per corrispondenza o tramite qualsiasi altro mezzo a distanza, così come nei distributori automatici. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]