Data ultima modifica: 14 Luglio 2020

“Adesso è il momento di riformare questo sistema. Servono strumenti innovativi, capaci da un lato di garantire una rete di protezione temporanea ai lavoratori di quelle imprese che intendono sospendere una parte della produzione per ristrutturazioni aziendali o riconversioni produttive o tecnologiche, e dall’altro di accompagnare il lavoratore in un percorso di transizione occupazionale, al fine di evitare il successivo passaggio per lunghi periodi in Naspi e, soprattutto, la sua esclusione dal mercato del lavoro”. E’ quanto scrive su Facebook il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo dopo l’insediamento, ieri, della commissione di esperti cui spetta il compito di tracciare le linee di indirizzo e interventi sul tema.  “Dobbiamo progettare un meccanismo nuovo, in grado di tutelare tutti i lavoratori, nessuno escluso. Occorre semplificare e snellire le procedure anche attraverso processi informatizzati, e a tal fine il tavolo in corso con la ministra Paola Pisano servirà ad accelerare questo cambiamento”, continua Catalfo che ribadisce come “quello degli ammortizzatori sociali sia un sistema molto frammentato che durante la pandemia ha mostrato tutti i suoi limiti e fragilità” ricordando che nonostante questo “siamo intervenuti con il Decreto Cura Italia e il Decreto Rilancio per estendere queste misure anche a quei lavoratori che altrimenti, in un momento così delicato, sarebbero rimasti esclusi”.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]