Data ultima modifica: 9 Giugno 2020

“Oggi vediamo una riduzione netta del virus che circola nella popolazione, con differenze nelle varie regioni che però c’era già”. Così Francesco Le Foche, immunologo del Policlinico Umberto I di Roma, ospite della trasmissione ‘Circo Massimo’ su Radio Capital. “Abbiamo subito una restrizione della libertà personale e i comportamenti degli italiani sono stati responsabili. Questo è un virus importante che ha messo a dura prova tutto il mondo. Ci siamo comportati in modo responsabile, siamo riusciti a mantenere un livello di attenzione anche oggi. L’attenzione va mantenuta ma il risultato c’è stato”, aggiunge l’immunologo. Adesso “c’è qualche focolaio, useremo il secchio con l’acqua e lo spegneremo. Non c’è più l’incendio”. Quanto ad una possibile seconda ondata in autunno, l’immunologo spiega: “non lo possiamo sapere perché questo è un virus nuovo; dobbiamo essere pronti e attenti”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]