Data ultima modifica: 8 Giugno 2020

di Francesco Saita  ‘Lega per Salvini Premier’ chiude l’esercizio 2019 con un avanzo di euro 903.286,44. E’ quanto si legge nel rendiconto al 31 dicembre 2019, che l’AdnKronos ha potuto visionare, composto da 19 pagine. Ammonta a poco più di 3,1 milioni di euro (3.162.142,54) la liquidità nella disponibilità della Lega per Salvini premier. Nel partito di Salvini, si triplicano quasi i soldi in cassa, rispetto al 2018 (1.339.899,65). Salgono, inoltre, a quasi 10 milioni di euro (9.734.817,54) i proventi del partito, quasi quadruplicati rispetto al 2018 (2.494.857,26).  Spiccano, tra le voci di entrata 2019, le quote dal 2 per mille, pari a 3 milioni di euro (3.091.082,79), i soldi del tesseramento (563.030 euro) che da dicembre, dopo l’ultimo congresso della vecchia ‘Lega Nord’, ora è possibile con entrambi i partiti. Tesseramento che nel 2018 era fermo a quota 65mila euro. Relativamente al 2 per mille si segnala come la vecchia Lega Nord, nel 2019 ha incassato circa 750mila euro. Ma a far lievitare le casse del partito sono soprattutto le ‘contribuzioni da persone fisiche’, che sono pari a quasi sei milioni di euro (5.805.271,75). A contribuire al totale di proventi anche quanto versato dalle persone giuridiche (132.500,00) e quelli ricavati da attività editoriali (142.933,00). Relativamente al 2 per mille, gli introiti legati a questo tipo di finanziamento (3.091.082,79) sono legati alla scelta di 187.260 contribuenti. Tra questi poco meno della metà sono lombardi (84.721) quasi 40 mila veneti. Intorno ai 25 mila i cittadini del Lazio e dell’Emilia Romagna che hanno destinato il contributo fiscale a Salvini, 6 mila dalla Campania e dalla Sicilia, fanalino di coda il Molise sotto le 500 dichiarazioni dei redditi con ‘spunta’ per Salvini premier. Infine, nel 2019, le campagne elettorali sono costate al partito di Salvini 1.643.549,16 di euro, comprendendo manifesti, incontri e spese postali, conteggiando le elezioni regionali dello scorso anno e la tornata europea. La Lega Salvini premier mantiene una struttura operativa light: ma nel 2019 gli stipendiati del partito, dai 3 del 2018, sono diventati 9, contando 7 impiegati e due quadri.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]