Data ultima modifica: 25 Febbraio 2022

(Adnkronos) – Cambia tutto ancora una volta, un inverno davvero bizzarro. Negli ultimi giorni sono state registrate temperature calde, eccezionali per il periodo: climatologicamente la terza decade di febbraio è uno dei periodi più freddi dell’anno ed invece abbiamo superato i 20°C all’ombra, da Nord a Sud, con un’anomalia positiva di 10°C rispetto alla media. E questa volta ha inciso anche il caso, la coincidenza tra numeri e date, tra valori meteo e calendario: nel giorno pieno di numeri 2, martedì 22/2/22, abbiamo toccato una massima di 22°C al nord, in Liguria a Castelnuovo di Magra, provincia di La Spezia; il 23 febbraio, per restare allineati alle curiosità della numerologia, abbiamo avuto 23°C a Roma. Di questo passo potevamo arrivare a 28 gradi il prossimo lunedì, per l’appunto il 28 febbraio, ultimo giorno dell’inverno meteorologico. Al contrario, per interrompere questa casuale statistica, una massa di aria fredda si è messa in moto verso sud-ovest direttamente dalle steppe russe, ancora poco illuminate dal sole, alla fine della notte polare. Questa sera l’aria fredda busserà alla Porta della Bora ed entrerà in Italia dal nord-est provocando l’ennesimo ribaltone; è atteso un calo estremo delle temperature, anche di 15°C nei valori massimi, con il passaggio da giornate primaverili con 18°C in pianura tra Umbria e Marche, alla neve fino a bassissima quota.  Il weekend quindi vedrà un solo protagonista: il Ciclone di Carnevale, la più potente perturbazione di questo inverno, capace di scaricare 50-70 cm di neve fresca sull’Appennino Centrale. Prudenza massima, anche per le raffiche di vento di Bora o Tramontana, che saranno impetuose fino a martedì. Antonio Sanò, Direttore e Fondatore iLMeteo.it, conferma il forte peggioramento su tutta l’Italia: nelle prossime ore le prime piogge bagneranno Liguria di levante, Alta Toscana e Friuli Venezia Giulia, dal pomeriggio sera il peggioramento sarà più marcato con maltempo su tutta la fascia adriatica centro-settentrionale: vento, freddo, pioggia e anche neve fin sulle basse colline di Emilia Romagna e Marche. Domani il maltempo sarà forte sulle regioni centrali, in particolare su quelle adriatiche, e al Sud, Campania in primis: la neve è attesa in calo fino a bassa quota tra Marche, Abruzzo e Molise con accumuli abbondantissimi. Domenica, con il sole del Nord in espansione verso il centro tirrenico, avremo ancora maltempo dall’Abruzzo fino alla Sicilia con l’inverno che avrà ripreso il suo posto sul Trono Meteorologico: invece di 28°C il prossimo lunedì potremo trovare la neve fin sulle coste adriatiche. NEL DETTAGLIO Venerdì 25. Al nord: tempo in peggioramento, maltempo al nordest entro sera con veloci rovesci. Al centro: piogge via via più diffuse in Toscana, in serata pure su Umbria e Marche. Al sud: bel tempo. Sabato 26. Al nord: sole, freddo e venti di Bora e Grecale. Al centro: maltempo con neve fino a bassa quota tra Toscana, Umbria e Marche, peggioramento verso Abruzzo e Molise con abbondanti nevicate. Al sud: graduale peggioramento in giornata con neve a quote collinari e vento. Domenica 27. Al nord: sole, freddo e venti in parziale attenuazione. Al centro: ancora maltempo tra Marche meridionali, Abruzzo e Molise con neve a quote basse. Al sud: ciclone ancora attivo con freddo, vento e precipitazioni diffuse. Tendenza. da lunedì ultima instabilità sul medio e basso Adriatico, poi torna l’alta pressione. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]