Data ultima modifica: 25 Maggio 2021

Rocco Morabito “in Brasile faceva una vita normale, non viveva da latitante, tanto è vero che frequentava la spiaggia e i locali pubblici”. Il comandante del II Reparto Investigativo del Servizio Centrale del Ros, Massimiliano D’Angelantonio, parla della cattura del superboss della ‘ndrangheta, numero due tra i 100 latitanti più ricercati dopo il boss di Cosa nostra Matteo Messina Denaro. Insieme a lui è stato preso anche il narcotrafficante, Vincenzo Pasquino. “Quando ci ha visto è rimasto molto stupito perché non aveva notato alcun movimento anomalo”, ha detto ancora il comandante che, parlando del blitz, ha spiegato: ”La macchina si è mossa in maniera molto rapida e il costante confronto con i nostri partner internazionali ha consentito di sbloccare la situazione in tre giorni dal nostro arrivo in Brasile”. Durante l’arresto di Morabito e Vincenzo Pasquino, catturati alle 20 di ieri (ora italiana) in un’abitazione di Joao Pessoa, nel Nord del Brasile, sono stati rinvenuti e sequestrati documenti di particolare interesse come cellulari e schede telefoniche. Si tratta di documenti che, secondo quanto spiegano gli investigatori del Ros, saranno ”analizzati molto presto”. Nell’abitazione dove sono stati arrestati i due latitanti gli investigatori sono arrivati attraverso un’attività di pedinamento. Morabito e Pasquino in queste ore sono in fase di trasferimento dall’aeroporto di San Paolo con un volo militare e stanno giungendo a Brasilia, dove li attendono la polizia federale Brasiliana, i carabinieri e il personale del Servizio di cooperazione internazionale di polizia. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]