Data ultima modifica: 18 Gennaio 2021

Gli autobus a fuoco, nella Capitale, sono diventati un fenomeno talmente frequente che è stato perfino coniato un termine, ‘flambus’. L’amministratore unico Atac, Giovanni Mottura, lo conosce e lo affronta: “Intensificazioni delle linee sono state fatte tramite il ricorso ai privati, quindi con mezzi nuovi o seminuovi. Quanto al nostro problema di rinnovo della flotta negli ultimi due anni, considerati anche i 100 nuovi ibridi, ci saranno 900 mezzi nuovi che fanno notevolmente abbassare la media dell’età – spiega all’Adnkronos – Ovviamente dovremo pensare anche a quelli ancora molto vecchi, quelli che presentano i maggiori problemi di manutenzione e prendono fuoco”. “Si stanno facendo grandi approfondimenti per risolvere il problema degli incendi – precisa Mottura – ma se la flotta non elimina i vecchissimi bus, finché ci saranno mezzi che hanno più di 13 anni, il problema della manutenzione non si può risolvere. Come azienda siamo sempre andati di più con una manutenzione compresa nei contratti, i prossimi cento l’avranno full service, ma può essere una delle soluzioni nel momento in cui la flotta è adeguata”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]