Data ultima modifica: 20 Aprile 2022

(Adnkronos) –
Netflix ha registrato un utile netto di 1,597 miliardi di dollari (1,480 miliardi di euro) nei primi tre mesi del 2022, che rappresenta un calo del 6,4% rispetto al risultato registrato un anno prima dalla società statunitense di distribuzione di film e serie online, che ha perso 200.000 abbonati tra gennaio e marzo e prevede un calo di altri due milioni di abbonati nel secondo trimestre. Le azioni di Netflix sono scese più del 25% nel trading after-hours, dopo aver chiuso la sessione con un guadagno del 3,18%. Finora quest’anno, Netflix ha perso più del 40% del suo valore sul mercato azionario e se la caduta notata nel trading dopo la chiusura di Wall Street è confermata, la caduta potrebbe essere intorno al 60% finora quest’anno. Nei primi tre mesi del 2022, Netflix ha ridotto la sua base mondiale di abbonati a 221,64 milioni, che rappresenta un aumento di 14 milioni di utenti paganti o il 6,7% rispetto al primo trimestre del 2021, ma un calo di 200.000 abbonati rispetto al quarto trimestre dello scorso anno, il suo primo calo in un decennio. Inoltre, la multinazionale con sede a Los Gatos prevede che il suo numero di abbonati in tutto il mondo continuerà a scendere nel secondo trimestre, quando si aspetta di avere 219,64 milioni di abbonati, circa 2 milioni di utenti paganti in meno rispetto al primo trimestre. Netflix ha detto che i suoi risultati del primo trimestre riflettono l’impatto della sospensione del suo servizio in Russia e la liquidazione di tutti gli account paganti russi, che ha portato alla perdita di 700.000 abbonati, senza i quali la piattaforma avrebbe aumentato i suoi abbonati di mezzo milione. 
Nonostante questa perdita di abbonati, le entrate dell’azienda nel primo trimestre sono aumentate del 9,8% a 7,868 miliardi di dollari (7,293 miliardi di euro) e la multinazionale è sicura che tra aprile e giugno il fatturato crescerà del 9,7% su base annua a 8,053 miliardi di dollari (7,464 miliardi di euro). Tuttavia, la piattaforma ha riconosciuto che la crescita delle entrate “ha rallentato considerevolmente”, indicando le difficoltà nell’aumentare il suo fatturato legate alla penetrazione relativamente alta delle famiglie, quando si include il gran numero di conti condivisi, combinato con la concorrenza. “Non stiamo facendo crescere le entrate così velocemente come vorremmo”, ha ammesso la società, che sta studiando modi per monetizzare quelle famiglie che godono del servizio Netflix attraverso account condivisi, che la società stima in circa 100 milioni di utenti potenziali aggiuntivi. A questo proposito, il co-CEO di Netflix Reed Hastings ha ammesso durante una conferenza con gli analisti che l’azienda sta studiando il lancio di un piano a basso costo che includerebbe la visualizzazione di pubblicità. “Non è una soluzione a breve termine, perché una volta che si inizia ad offrire un piano a basso prezzo con annunci come opzione, alcuni consumatori lo prenderanno. E abbiamo una grande base installata che è probabilmente molto felice dove sono”, ha detto il dirigente, sottolineando che in termini di potenziale di guadagno, il mercato della pubblicità online è andato avanti. “Probabilmente non siamo così avanti, ma no, penso che sia abbastanza chiaro che sta funzionando per Hulu. Lo sta facendo la Disney. L’ha fatto la Hbo. Non credo che abbiamo molti dubbi che stia funzionando”, ha aggiunto Hastings. “Quindi penso che entreremo davvero”, ha detto, chiarendo che gli utenti che preferiscono godere del servizio senza annunci saranno ancora in grado di farlo, mentre pagare un prezzo più basso per la visualizzazione senza annunci sarà anche possibile.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]