Data ultima modifica: 3 Marzo 2021

Un paradosso, così viene definito a tutti i livelli dei 5 Stelle il nuovo Dpcm varato ieri sera. Il malumore è palpabile rispetto a un intervento che, è il timore, potrebbe non sortire effettivi positivi ma anzi determinare persino un peggioramento del quadro sanitario. La chiusura delle scuole e la contemporanea apertura di spazi di socializzazione, con connesso rischio di incremento degli assembramenti, è ritenuta contraddittoria e a rischio inefficacia. “Si chiudono le scuole e al contempo si apre a maggiore mobilità e a spazi di socializzazione, poi si chiede a mani giunte ai cittadini di evitare gli assembramenti. Cos’è, una presa in giro?” afferma un esponente del Movimento 5 Stelle di primo piano che tra i colleghi in Parlamento ha raccolto “un forte malumore. Ancora una volta la scuola, i ragazzi, vengono penalizzati. Se i ragazzi la mattina stanno a casa è ovvio che poi non vedano l’ora di uscire. Chi assicura che non ci saranno assembramenti con, solo per fare un esempio, i centri commerciali aperti?”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]