Data ultima modifica: 12 Ottobre 2020

Stretta sul numero degli spettatori per gli eventi sportivi. E’ una delle proposte per il nuovo Dpcm (elaborate dal ministero della Salute) a cui sta lavorando il governo e che sarà sul tavolo della cabina di regia oggi tra governo e enti locali. Nel testo, visionato dall’Adnkronos, si legge che “per gli eventi e le competizioni sportive ‒ riconosciuti dal Comitato olimpico nazionale italiano (Coni), dal Comitato italiano paralimpico (Cip) e dalle rispettive federazioni, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali ‒ è consentita la presenza di pubblico, con il numero massimo di 500 spettatori per manifestazioni sportive all’aperto e di 100 spettatori per manifestazioni sportive in luoghi chiusi, esclusivamente negli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere, con adeguati volumi e ricambi d’aria”.  Il tutto, si legge ancora, “a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia frontalmente che lateralmente, con obbligo di misurazione della temperatura all’accesso e l’utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva, enti organizzatori”.  “Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, sono consentite a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni Sportive Nazionali”. Nel testo delle proposte per il nuovo Dpcm è anche specificato il divieto di “svolgimento degli sport di contatto”.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]