Data ultima modifica: 8 Giugno 2020

L’evoluzione dell’occupazione, misurata in termini di Ula, è prevista evolversi in linea con il Pil, con una brusca riduzione nel 2020 (-9,3%) e una ripresa nel 2021 (+4,1%). E’ quanto indica oggi l’Istat. Diversa appare la lettura della crisi del mercato del lavoro attraverso il tasso di disoccupazione, il cui andamento rifletterebbe anche la decisa ricomposizione tra disoccupati e inattivi e la riduzione del numero di ore lavorate. Pil, Istat stima -8,3% nel 2020 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]