Data ultima modifica: 22 Aprile 2021

Coronavirus Sicilia, Palermo resta in zona rossa mentre la provincia torna arancione, seguendo le regole e le misure previste per spostamenti e aperture. La “relazione sanitaria dell’Asp di Palermo ha evidenziato un parziale miglioramento dell’andamento della diffusione del contagio nella Provincia palermitana, anche grazie alle misure contenitive adottate con la mia ordinanza di due settimane fa. Non si rende necessario, quindi, mantenere la zona rossa per l’intera Provincia” ha comunicato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, con una nota nella quale si specifica che la proroga delle misure restrittive, “purtroppo, fino al 28 aprile, sarà valida esclusivamente per i Comuni” di: Palermo, Bagheria, Casteldaccia, Partinico, Giardinello, Borgetto, San Cipirello, Misilmeri, Baucina, Villafrati, Mezzojuso, Carini, Torretta, Cinisi, Termini Imerese, Lascari, Alimena, Giuliana, Santa Cristina Gela, Piana degli Albanesi, Villabate, Monreale e Belmonte Mezzagno. Ulteriore proroga di zona rossa, sempre fino al 28 aprile, sarà disposta per i Comuni di Acquaviva Platani in provincia di Caltanissetta e Lampedusa e Linosa nell’Agrigentino. Inoltre, a seguito delle relazioni delle competenti Aziende sanitarie e sentiti i sindaci interessati, saranno istituite nuove zone rosse per i Comuni di Cattolica Eraclea in provincia di Agrigento, Gela nel Nisseno e Randazzo in provincia di Catania, a partire dal 24 aprile fino al 5 maggio compreso. 
REGOLE ZONA ROSSA – In zona rossa, come ricorda il sito del Governo dedicato alle domande frequenti sulle misure da rispettare, sono consentiti esclusivamente i seguenti spostamenti: – per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità (anche verso un’altra Regione o Provincia autonoma); – il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, compreso il rientro nelle “seconde case” ubicate dentro e fuori regione. 
SPOSTAMENTI ZONA ROSSA – Gli spostamenti per far visita ad amici o parenti autosufficienti e, in generale, tutti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria non dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute sono invece vietati. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]