Data ultima modifica: 28 Maggio 2020

Tre progetti hi-tech di cervelli giovani, entusiasti e brillanti per ripensare la gestione da remoto e semplificare la vita delle persone con sclerosi multipla. Si è concluso da poco, nel corso della Milano Digital Week, l’hackathon ‘Novartis hack_MS2: monitoring solution for MS’, promosso da Novartis per favorire l’innovazione e lo sviluppo di idee che possano migliorare la qualità di vita delle persone con sclerosi multipla, proprio a partire da una più semplice gestione della malattia. Ad aggiudicarsi la vittoria: Small, una fitball con sensori per monitorare la motricità di persone con sintomi lievi-moderati; eSteps, un plantare intelligente che coniuga in modo sofisticato il monitoraggio dell’attività motoria quotidiana delle persone con sclerosi multipla con un’analisi cinematica del movimento di tutta la figura; smART Ring, un dispositivo indossabile a forma di anello che unisce il monitoraggio della malattia all’arte terapia. Ai vincitori va un premio in denaro (5.000 euro per il primo in classifica, 3.000 euro per il secondo, 2.000 euro per il terzo). “La qualità delle idee premiate e la stessa alta partecipazione al nostro Novartis Hack testimoniano la validità di questa iniziativa, che nasce da un duplice impegno: quello nei confronti delle persone con sclerosi multipla e quello in direzione di una trasformazione digitale della medicina”, commenta Alessandra Dorigo, Franchise Head Neuroscienze di Novartis Italia. “La digital health è destinata a uno sviluppo irreversibile in ogni area della salute, ma un terreno in cui può certamente esprimere al massimo le sue potenzialità è quello della gestione di patologie croniche e complesse come la sclerosi multipla”.  Medici, ingegneri, sviluppatori, studenti, persone con sclerosi multipla, designer, digital expert sono stati chiamati a contribuire all’ideazione di soluzioni innovative, come wearable device, piattaforme di gamification, app per l’esercizio fisico, che utilizzano intelligenza artificiale e big data, attraverso cui monitorare e supportare nella quotidianità le persone con sclerosi multipla, cogliere i segni di progressione della malattia e misurarne l’impatto sull’attività motoria. “L’emergenza coronavirus ha accelerato il processo di Digital health transformation avviato qualche anno fa e ha evidenziato l’urgenza di individuare nuove modalità di accesso, cura e monitoraggio di quei pazienti con patologie croniche che necessitano di controlli e cure nel tempo – dichiara Luigi Lavorgna, neurologo Aou Università Luigi Vanvitelli, chair del Gruppo di studio “Digitale” della Società italiana di neurologia – Sul lungo periodo la sanità digitale, attraverso telemedicina e monitoraggio in remoto, consentirà una semplificazione nell’accesso alle cure anche per coloro che vivono lontano dai centri specialistici e una migliore distribuzione del carico di lavoro dei professionisti della salute”. Sono circa 122mila le persone con sclerosi multipla in Italia, la metà con meno di 40 anni e a rischio di disabilità. Si tratta di pazienti spesso in terapia con farmaci che agiscono sul sistema immunitario, e per questo più esposte alle infezioni, che possono trarre beneficio dalla riduzione dei controlli in ospedale attraverso la telemedicina. La fase di lockdown ha portato alla luce una serie di necessità per questi pazienti a cui le innovazioni premiate dal Novartis hack_MS2 puntano a dare una risposta, a partire proprio dal monitoraggio da remoto dei segni più precoci di progressione della componente motoria della patologia. “La sclerosi multipla può manifestarsi in diverse forme, principalmente quella recidivante e remittente e quella progressiva, rispettivamente nell’85% e nel 15% dei casi. È una malattia neurodegenerativa cronica, tra le più comuni del sistema nervoso centrale, che porta progressivamente ad invalidità e che costringe la persona a ridefinire e riadattare continuamente la propria vita – spiega Marinella Clerico, dipartimento di Scienze cliniche e biologiche, Università di Torino – Monitorare la progressione della malattia significa quindi monitorare le esigenze specifiche della persona con sclerosi multipla e personalizzarne la gestione”. Le esigenze di chi è colpito da questa patologia cambiano significativamente nel tempo in relazione alla progressione della malattia; è quindi fondamentale trovare il modo migliore di personalizzarne la gestione considerando le esigenze di ciascun soggetto.  “Proviamo a trarre da una grande tragedia quale è questa pandemia, un chiaro insegnamento: ridisegnare il futuro dell’assistenza sanitaria attraverso la digitalizzazione e le innumerevoli opportunità che offre. Non limitiamoci però all’idea e al suo sviluppo tecnologico: serve un impegno congiunto di mondo accademico e scientifico, mondo politico e istituzioni, enti regolatori e aziende – dichiara Letizia Leocani, direttore Neuroriabilitazione del San Raffaele di Milano, co-chair del Gruppo di studio ‘Digitale’ della Società italiana di neurologia – Noi neurologi siamo in prima linea nell’individuare sistemi efficaci e sicuri che possano coadiuvare il trattamento farmacologico della sclerosi multipla”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]