Data ultima modifica: 25 Settembre 2020

Quattro persone sono state accoltellate, due in modo grave, in boulevard Richard Lenoir, nell’11esimo arrondissement di Parigi, non lontano dagli ex locali del magazine Charlie Hebdo. Per l’attacco sono stati fermati due sospetti, uno verso le 12.45 nei pressi dell’Opera Bastille con tracce di sangue sui vestiti, l’altro nella zona della stazione della metropolitana Richard-Lenoir, dove, vicino all’ingresso, è stata trovata a terra una mannaia. Secondo i media francesi, il principale sospetto è un 18enne nato in Pakistan, sconosciuto ai servizi di intelligence, ma noto alla polizia per reati comuni. Il secondo sospetto arrestato ha 33 anni. La Prefettura di Parigi ha raccomandato di evitare l’area dell’attacco mentre è rientrato l’allarme per un pacco sospetto trovato nella zona. Tra i feriti, ci sono due dipendenti della società di produzione Premières Lignes, ha confermato a Le Monde Luc Hermann, produttore e co-direttore di Premières Lignes. Non si tratta di giornalisti, ma di due dipendenti che lavorano alla produzione e alla post-produzione. Le identità dei due non sono comunque state rese note. Paul Moreira, giornalista co-fondatore di Premières Lignes, ha confermato che uno è in condizioni gravi. Il presidente francese, Emmanuel Macron, sta “seguendo da vicino dall’Eliseo” gli sviluppi della vicenda, ha riferito la presidenza francese citata da ‘Bfmtv’. Mentre sul luogo dell’attacco è giunto il ministro dell’Interno francese, Gerald Darmanin, e il sindaco di Parigi Anne Hidalgo che, riporta Le Figaro, ha parlato con il primo ministro Jean Castex, con Darmanin e con il procuratore della Repubblica Remy Heitz. ”Questo attacco è avvenuto in un luogo simbolico mentre è in corso il processo per gli odiosi attacchi contro Charlie Hebdo. Questa è un’opportunità per il governo di esprimere il suo sostegno alla libertà di stampa e di affermare alla nazione il nostro impegno totale”, ha dichiarato Castex. ”Per prima cosa volevo mostrare la mia solidarietà alle famiglie delle vittime e ai colleghi di questi due giornalisti” rimasti feriti, ha detto Castex alla stampa sul posto, aggiungendo che “grazie a Dio le loro vite non sono in pericolo”. ”I servizi di sicurezza e di soccorso sono intervenuti molto rapidamente per svolgere il loro lavoro”, ha aggiunto.  Valerie Pecresse, presidente della regione di Ile-de-France, si è detta ”estremamente scioccata” per l’attacco “in un quartiere di Parigi che già ha pagato per la violenza terroristica”. Su Twitter, Pecresse ha espresso tutto il suo “sostegno alle forze dell’ordine impegnate sul campo in questo momento”.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]