Data ultima modifica: 11 Giugno 2021

“La Direzione nazionale del Partito Democratico ha approvato all’unanimità il rendiconto dell’esercizio di bilancio chiuso il 31 dicembre, illustrato da una relazione del tesoriere nazionale Walter Verini. Il bilancio è stato chiuso con un avanzo di gestione di circa due milioni, sia per una rigorosa gestione e sia per il fatto che la pandemia e le misure restrittive non hanno consentito di svolgere attività politiche esterne, iniziative in presenza ed eventi, con un significativo risparmio di gestione”. Si legge in una nota del Pd. “Intervenendo subito dopo il tesoriere, il segretario nazionale Enrico Letta ha sostenuto come sobrietà, trasparenza e rigore nella gestione possano consentire – pur in una situazione finanziaria certamente non facile – di sostenere lo sforzo di apertura, di rapporto con la società e di rilancio politico del Pd. In questo senso l’iniziativa delle Agorà democratiche sarà una importante occasione per aprire una stagione di confronto e dialogo con cittadini, associazioni e forze sociali, in grado di rafforzare l’iniziativa e l’impegno del Pd per il futuro dell’Italia”. “Sia le iniziative di quest’anno trascorso, sia le primarie in corso in alcune città, sia quelle legate alle prossime Agorà, sono state e saranno supportate da piattaforme digitali che rappresentano un investimento creativo di grande valore aggiunto per forme nuove di partecipazione alla politica, insieme a quelle ‘in presenza’”. “Nella sua relazione -si lege nella nota dem- Verini ha ricordato come il bilancio del Pd, primo partito ad avere promosso la certificazione fin dal 2008, si regga essenzialmente su due voci: la raccolta del 2×1000 per oltre sette milioni e i versamenti degli eletti -i parlamentari a livello nazionale- per circa due milioni e trecentomila euro. L’ultimo versamento del 2X1000 ha visto mezzo milione di cittadini contribuenti scegliere il Pd, che si è confermato così il primo partito per numero di sottoscrittori e di entrate. I versamenti legati al tesseramento fanno invece parte delle entrate degli organismi territoriali del partito”. “Il Tesoriere ha anche sottolineato come un finanziamento corretto e trasparente sia necessario per il sostegno ad una politica credibile che goda della fiducia dei cittadini, e come una politica credibile e trasparente meriti sostegno finanziario, per evitare che essa sia prerogativa esclusiva di ceti sociali privilegiati e lobbies non trasparenti. Su questo tutto il Pd è chiamato all’impegno, ha concluso Verini, annunciando anche il lavoro in corso per dotare il partito di un bilancio sociale e di sostenibilità”. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]