Data ultima modifica: 13 Novembre 2014
 
La Guardia Costiera – Capitaneria di Porto di Roma e il Comando di Polizia Locale di Ciampino hanno effettuato una nuova serie di controlli nei banchi di vendita del pesce al dettaglio presso il mercato settimanale ed i mercati giornalieri di Ciampino.
Le verifiche, svolte congiuntamente a tutela del consumatore, sono state compiute allo stesso modo degli analoghi controlli effettuati costantemente nel corso degli ultimi due anni. In particolare, militari ed agenti si sono soffermati sulla corrispondenza di quanto indicato nei cartelli (prezzo, provenienza, caratteristiche di conservazione) che permettono al consumatore di vedere in trasparenza l’origine e il percorso compiuto da quel pesce lungo la filiera produttiva, con specifica attenzione sulle nuove normative in vigore dettate dalla Comunità Europea che prevedono che in etichetta dovranno comparire:
– il nome commerciale e quello scientifico del pesce (può evitare alcune frodi, come spacciare un pesce per un altro dal nome simile);
– l’indicazione precisa del luogo di pesca, indicando il nome del luogo o il codice corrispondente (con zone indicate in un mappamondo ben visibile al cliente):
– l’eventuale scongelamento;
– metodo di produzione (pescato in mare, in acque dolci o allevato).

Leggi tutto: clicca qui.

 
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]