Data ultima modifica: 26 Ottobre 2020

Aveva omesso un piccolo dettaglio: il lavoro del marito, in Svizzera. Con questo escamotage, ha percepito per quasi due anni il reddito di cittadinanza. La donna, residente a Carlazzo, in provincia di Como, è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Menaggio e denunciata alla Procura di Como. Il marito ‘frontaliere’, tra l’altro, possedeva un’auto di grossa cilindrata e questo, insieme al suo reddito estero, è stato uno dei dettagli che non è sfuggito ai militari.  La Gdf ha ricostruito la reale situazione economica della coppia di Carlazzo con la collaborazione del Centro di cooperazione di Polizia e Doganale di Chiasso, attraverso l’acquisizione del permesso di lavoro rilasciato dallo Stato elvetico.  Avendo indebitamente percepito sussidi a danno dello Stato, la donna è stata segnalata all’Inps per il blocco dell’erogazione e il recupero di quanto già incassato (diverse migliaia di euro). Potrebbe arrivare a sei anni di carcere.  

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]